LeccePolitica

Palazzo Carafa: ore cruciali per definire la squadra di governo

LECCE – Nuovo giro di consultazioni tra il neo eletto sindaco Adriana Poli Bortone ed i leader di movimenti e partiti di centrodestra per la composizione della nuova squadra di Governo cittadino.

Saranno ore cruciali, le prossime, perché si dovranno far quadrare numeri e nomi prima di dare il via libera all’esecutivo che guiderà con il primo cittadino il capoluogo per i prossimi cinque anni. Dato per certo il ruolo di Angelo Tondo a capo di Gabinetto, restano ora da assegnare gli assessorati, quote rosa comprese. In attesa delle ultime consultazioni, intanto, si cominciano a fare le prime ipotesi sulla composizione della nuova squadra di Governo.

Fratelli d’Italia, lista con il maggior numero di preferenze, dovrebbe portare in giunta due assessori: di certo il primo degli eletti Roberto Giordano Anguilla (Lavori pubblici o ambiente) mentre Andrea Pasquino potrebbe lasciare il posto a Maria Luisa Greco che rientrerebbe nelle quote rosa, mentre per Io Sud, lista di riferimento del sindaco, un posto in giunta per Giampaolo Scorrano e probabile delega all’Urbanistica. Rimanendo sempre nel campo delle ipotesi, assessorati in vista per Bernardo Monticelli Cuggiò (il Bilancio), Severo Martini e Laura Calò (a uno dei due i servizi sociali), in quota alle liste di riferimento del senatore leghista Roberto Marti, a cui si aggiungerebbe anche una delega esterna da far rientrare nelle quote rosa.

Assessorato per il forzista Luciano Battista, presumibilmente alla Polizia Municipale, e posto in giunta anche per Andrea Guido (assessorato alla Cura), ex Fratelli d’Italia ed eletto con Udc Puglia popolare.

Per Giancarlo Capoccia, primo degli eletti nella lista del Movimento regione Salento in vista la delega alle Attività produttive, sport, spettacoli e turismo (o in alternativa i Lavori pubblici).

Per quanto riguarda le quote rose, invece, i nomi più accreditati sono quelli di Laura Calò di Prima Lecce, e delle esterne Simona Manca, Giordana Guerrieri e Francesca Lubelli, a cui potrebbe aggiungersi Tiziana Pastore, quest’ultima in giunta se non dovesse entrare Giorgio Pala (a lui un’eventuale delega alle Politiche giovanili).

Ci sono poi da risolvere le questioni legate alla carica di vicesindaco e di presidente del Consiglio. Per la prima il nome più accreditato, in virtù del passo a lato fatto per sbloccare la candidatura di Adriana Poli Bortone, è quello di Ugo Lisi, anche se ci sono da superare le rivendicazioni di Andrea Guido e di Fratelli d’Italia.

La presidenza del Consiglio, invece, potrebbe andare al riconfermato consigliere Gianmaria Greco del Movimento regione Salento del presidente Paolo Pagliaro, il primo a fare un passo a lato per dare il via libera alla candidatura unitaria di Adriana Poli Bortone. Al momento, come detto, restano solo ipotesi, ma la strada è ormai tracciata e tutto lascia presupporre che il via libera arriverà a metà della prossima settimana.

Articoli correlati

Quando il tesoro è sott’acqua: Unisalento e la tutela del patrimonio culturale sommerso

Redazione

Corsa a due per la presidenza del Tribunale

Redazione

Manca solo l’ufficialità: Pongracic ha svolto le visite mediche con la Fiorentina

Massimiliano Cassone

Il sindaco istituisce un tavolo permanente per lo sviluppo della città

Barbara Magnani

Acquaviva Blue Moon: una serata di musica da vivere sotto la luna

Redazione

A.C. Nardò ecco Calderoni e Amil

Redazione