AttualitàLecce

Tensioni al seggio, arrivano le scuse: “Ho sbagliato i tempi e i modi”

LECCE – E dopo la denuncia ai nostri microfoni del padre che si era recato a votare con la figlia disabile, ma al momento di entrare in cabina una signora ha iniziato ad inveirgli contro dicendo che non poteva accompagnarla all’interno. È arrivato il commento della donna che ha sottolineato “La ragazza deambulava autonomamente con l’aiuto, interagiva con le persone. Sono stata comunque frettolosa – dice- il padre è stato comprensibilmente aggressivo ed io non sono stata da meno. Quindi comunque ho sbagliato, non era il luogo giusto per far le mie lamentele, avrei dovuto chiedere alle forze dell’ordine di verificare in assenza del rappresentante di lista della sezione”. La signora infine ha evidenziato : “Ho dato le mie generalità per procedere con la denuncia e se dovesse arrivare ne risponderò… a testa alta, perchè resto del parere che i disabili hanno diritto ad esprimere il voto in autonomia. Ho sbagliato i tempi e i modi”.

Articoli correlati

Fdi: “Inchiesta Covid è il fallimento della gestione della pandemia. Emiliano chieda scusa”

Redazione

In Puglia nel 2023 registrati 3.643 reati ambientali

Redazione

Quando il tesoro è sott’acqua: Unisalento e la tutela del patrimonio culturale sommerso

Redazione

Corsa a due per la presidenza del Tribunale

Redazione

Lecce, riapre alla circolazione via Vito Carluccio

Redazione

Manca solo l’ufficialità: Pongracic ha svolto le visite mediche con la Fiorentina

Massimiliano Cassone