AttualitàEvidenzaLecceVideo

Nove anni senza Ivan. I genitori: “Chi sa, parli”

Mamma Rita e papà Sergio continuano a chiedere verità e giustizia per loro figlio Ivan, conosciuto come Dj Navi, trovato impiccato ad un albero di ulivo la mattina del 22 giugno del 2015 nelle campagne di Acquarica del Capo. Se in un primo momento il caso venne chiuso come suicidio, la tenacia dei genitori hanno portato al cambio del sostituto procuratore, poiché il primo risultò poi incompatibile con il procedimento, e ad ulteriori indagini. Il fascicolo d’inchiesta è ancora aperto e nei mesi scorsi il reato di istigazione al suicidio è stato riqualificato in omicidio, come disposto dalla pm Buffelli, dopo che due pm differenti avevano firmato richieste di archiviazione. Due i nomi iscritti nel registro degli indagati: un 70enne con il quale Ivan aveva avuto una tormentata relazione sentimentale e un 50enne di Presicce-Acquarica con il quale il dj collaborava.

 

Articoli correlati

Gemmato: “il Governo impugnerà la legge pugliese su vaccino Hpv”

Redazione

Sindaco e Giunta in visita dall’Arcivescovo: “insieme coltiveremo la cura della città”

Redazione

Un’emozione dal Salento, successo per la 20esima edizione

Redazione

Gallipoli, una maxi rissa tra giovani culmina in accoltellamento: feriti due ventenni

Redazione

Werder Brema – Lecce in differita su TeleRama oggi e domani

Redazione

Blin lascia il ritiro e va a Palermo per le visite mediche

Massimiliano Cassone