CronacaLecce

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

LECCE – Il giudice Pietro Errede denuncia gli inquirenti che si sono occupati delle intercettazioni nell’ambito dell’inchiesta per corruzione in cui è coinvolto, condotta dalla Procura di Potenza.

L’oggetto della querela: insulti sessisti, di cui il giudice è venuto a conoscenza, contenuti nei brogliacci dell’inchiesta.

In sostanza gli inquirenti, suddividendo le intercettazioni in più file, avrebbero nominato questi ultimi con un termine che farebbe volgarmente riferimento all’omosessualità.

Espressioni che il magistrato denuncia quali “offensive e sessiste e che non hanno alcuna giustificazione o attinenza con i fatti -si legge nella querela – espressioni volgari che non devono essere consentite a rappresentanti dello Stato e che lasciano trasparire solo pregiudizio e mancanza di serenità e imparzialità nello svolgimento delle indagini”. Per questo Errede ha presentato anche un esposto al Comando generale, regionale e provinciale di Lecce nei confronti dei militari responsabili, oltre ad aver comunicato l’accaduto al Csm e al ministro della Giustizia.

Articoli correlati

Timone bloccato, barca a vela in avaria: salvati 68 migranti

Antonio Greco

Bambine molestate durante la lezione di equitazione: condannato istruttore

Paolo Franza

Lecce, mercoledì in campo con due amichevoli

Mario Vecchio

Intercettato veliero carico di migranti diretto a Santa Maria di Leuca

Paolo Franza

Week end di controlli lungo la costa, sanzioni per 11mila euro

Redazione

Si fingono dipendenti Enel per truffare anziani, bloccati dalla polizia locale

Barbara Magnani