BrindisiCulturaLecceTaranto

Il meglio di Giugno in sala: tra motori, animali ed emozioni

TELERAMA – Benvenuti gentili e soprattutto curiosi lettori di Telerama, al consueto appuntamento settimanale “Cineclub”, dove i protagonisti assoluti sono le uscite più attese nelle sale cinematografiche. Cominciamo il nostro itinerario nelle proposte che in queste settimane stanno entusiasmando il grande pubblico, con il dramma su due ruote “The Bikeriders” di Jeff Nichols. Ispirato all’omonimo fotolibro del 1968 del fotografo Danny Lion, questa pellicola con protagonisti i belli e dannati Tom Hardy ed Austin Butler racconta la storia del motoclub statunitense “Outlaws Mc”, originario di Chicago. Focus scelto dal regista proprio la decade degli anni 60′, periodo in cui il club, perlopiù una comunità familiare di emarginati, si è espanso sempre più, diventando un punto di riferimento nel mondo della malavita organizzata dell’Illinois. Questa pellicola mira a dare una sua interpretazione di uno stile di vita che ha ispirato tantissimi appassionati delle due ruote in giro per il mondo, quindi è abbastanza scontato riuscire ad indovinare quale sia il pubblico a cui questo nuovo affresco degli anni 60′, tutto motori e ruggine, mira ad entusiasmare ed a richiamare in sala.

Passiamo dall’Illinois alle foreste francesi con “The Animal kingdom” di Thomas Caileey. Vincitore di 5 premi César, l’opera è un thriller apocalittico dalle forti tinte fantascientifiche: in un mondo dove alcuni umani stanno mutando lentamente in animali, François vede la moglie trasformarsi sotto i suoi occhi e per salvarla decide di partire alla sua ricerca insieme al figlio Emile, il quale ha cominciato a mostrare i primi segni della mutazione sul proprio corpo. Il ragazzo è interpretato dal 22enne Paul Kircher, attore diventato famoso nella scena del cinema indipendente per aver interpretato Lucas ne “Le Lyceen” di Cristophe Honoré dove, guarda caso, tema fondamentale è il rapporto tra un padre ed un figlio. Questo viaggio nel “regno animale” che coesiste con la nostra natura, anche se facciamo di tutto per nasconderlo, è un lavoro coraggioso e senz’altro originale, che come obiettivo principale si pone di abbattere le differenze, insegnando allo spettatore che due universi paralleli, ma opposti, possono e devono coesistere.

Concludiamo i nostri consigli settimanali parlandovi di un grande ritorno, introducendovi l’attesissimo film d’animazione “Inside out 2” di Kelsey Mann, regista al suo esordio dietro alla macchina da presa. Il 28esimo lungometraggio della casa di animazione Disney Pixar è un seguito diretto della pellicola del 2015 “Inside out”. Quest’ultimo racconto del passaggio dall’infanzia alla pubertà della piccola Riley, visto dal punto di vista delle emozioni che la definiscono, è stata una storia capace di appassionare una grandissima fetta di pubblico, facendo emozionare in maniera particolare i più grandi e disillusi. Dopo aver conosciuto la fase della pubertà di Riley, ora lei si avvia nel “grande mare” che è l’adolescenza, aggiungendo al suo roster emotivo composto da: Gioia, Tristezza, Paura, Rabbia e Disgusto, anche delle new entries come Ansia, Imbarazzo, Ennuì (noia), Nostalgia ed Invidia. Queste nuove emozioni, poli cardine del senso di smarrimento che ognuno avverte dopo le prime crisi adolescenziali, costituiranno di fatto lo spettro emotivo con cui avremo a che fare per tutto il resto della nostra vita. L’esistenza e il suo peso, dilatato nel tempo, diventa così il tema principale di questo nuovo racconto di formazione targato Pixar, imperdibile per gli amanti del cinema d’animazione e per gli studiosi dei segreti della mente.

Articoli correlati

Un buon Lecce paga due errori, col Galatasaray termina 2 a 1

Massimiliano Cassone

Brindisi, arriva l’attaccante Marcheggiani

Tonio De Giorgi

Zes, Fitto: “Polemiche sterili, i fatti dimostrano che la misura è un successo”

Isabel Tramacere

Per l’ultimo saluto a Enzo Mortari il ritorno di alcuni ex Lecce e uno striscione sotto la Nord

Tonio De Giorgi

Protesta contro l’Arneo: le associazioni incontrano il sindaco di Brindisi

Andrea Contaldi

Smontaggio della pista ciclabile a Brindisi: la soddisfazione delle associazioni

Andrea Contaldi