AttualitàEvidenza

G7, Meloni ai grandi: “Siete in Puglia, perché terra che unisce”

BARI – La prima stretta di mano è per la presidente della Commissione Europea, Ursula Von Der Leyen. L’ultima, dopo un ritardo di 20 minuti, per il presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden. Accolti tutti i capi di Stato, la foto di famiglia suggella l’inizio ufficiale del G7 in terra di Brindisi.

Un evento storico. E la premier Meloni ha scelto di accogliere i grandi della Terra, spiegando anzitutto perché la scelta di Brindisi, della Puglia, non è stata casuale: “La scelta dell’Italia – ha detto la premier aprendo i lavori – ha scelto di ospitare il summit dei leader in Puglia, non è stata una scelta casuale. Perché la Puglia è una regione del sud Italia, il messaggio che vogliamo dare è di un G7 che sotto presidenza italiana, vuole rafforzare il dialogo con le nazioni del Sud globale. Lo abbiamo fatto – ha proseguito – perché questa terra è storicamente un ponte tra Oriente e Occidente, una terra di dialogo al centro del Mediterraneo, quel mare di mezzo che collega i due grandi spazi marittimi del globo, cioè l’Atlantico da una parte l’IndoPacifico dall’altro. Quel mare è rappresentato anche nel simbolo che l’Italia ha scelto per la presidenza italiana, insieme all’altro simbolo che è l’ulivo secolare”.

Dopo l’intervento iniziale, l’incontro, il primo a porte chiuse per mettere al centro dell’attenzione mondiale, l’Africa e il cambiamento climatico. Poi, il Medioriente e, infine, l’arrivo del presidente ucraino Zelensky.

Articoli correlati

Scontro tra auto, dopo un mese di agonia muore 60enne. La moglie spirò il giorno dopo

Redazione

Lecce, problema cardiaco per Gonzalez che non parteciperà al ritiro

Massimiliano Cassone

Piano Urbano della Mobilità, il Codacons: “Pronti ad offrire il nostro contributo al sindaco”

Sergio Costa

Chiusura punto nascita, monta la protesta

Paolo Franza

Nominati gli assessori, ecco chi subentra in Consiglio Comunale

Sergio Costa

In Puglia i mercati finanziari incrementano il divario tra ricchi e poveri

Mario Vecchio