AttualitàEvidenzaLecce

Amministrative Lecce: sarà ballottaggio Salvemini-Poli Bortone

Alle 19,53 di giovedì 13 giugno, a quattro giorni dal voto amministrativo per Lecce 2024, il presidente della Commissione centrale elettorale Francesco Ottaviano ha messo la parola fine sulla delicata questione relativa alle quattro sezioni che riscontravano anomalie fornendo il dato ufficiale, al termine del riconteggio dei voti, e che numeri alla mano porta al ballottaggio.

24374 preferenze per il candidato sindaco di centrosinistra Carlo Salvemini, 26044 per il candidato della coalizione di centrodestra Adriana Poli Bortone. Dato che, numeri alla mano, significa che ad Adriana Poli Bortone sono mancati soltanto 32 voti più uno per superare il cinquanta per cento e vincere al primo turno questa competizione elettorale.

L’ultimo giornata di verifiche da parte della Commissione elettorale centrale non è stata certo semplice, con dati che hanno continuato ad incrociarsi, con contestazioni da parte di rappresentanti di lista e delegati di entrambi le coalizioni, che in più di una occasione hanno portato il presidente ha effettuare ulteriori verifiche unitamente ai responsabili dell’ufficio comunale. Poi presidente e staff si sono chiusi nell’aula in cui si sono svolte le operazioni per completare i verbali. Alla fine sono stati riconvocati delegati e rappresentanti è ed è stata data lettura dei voti di ogni candidato relativamente alle sezioni prese in esame. Da qui l’ufficializzazione del dato, che fa calare definitivamente il sipario sulla vicenda portando verso il ballottaggio del 23 e 24 giugno prossimi

 

Articoli correlati

Lecce Primavera, esordio in trasferta a Monza

Tonio De Giorgi

Fake Trading, attenzione a 2139 Exchange

Redazione

Delfino resta bloccato nella baia: aiutato dai bagnanti a ritrovare la strada

Redazione

Associazione mafiosa, 4 arresti dopo il ricorso della Dda di Lecce

Redazione

FeminaeMaris: un viaggio emozionale nel Salento

Redazione

La Tari delle polemiche, il sindaco: “Adesso voglio vederci chiaro”

Sergio Costa