CronacaLecce

Intercettata barca a vela con 70 migranti a bordo a largo di Otranto

OTRANTO – Era stata abbandonata alla deriva, il motore era in avaria: una barca a vela, con a bordo 71 migranti di cui 19 minori, è stata intercettata lunedì notte al largo di Otranto dai militari del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari e le Sezioni Operative Navali di Otranto e Gallipoli.

I migranti, per lo più provenienti da Iran e Afghanistan, sono stati dapprima intercettati con l’ausilio di un elicottero delle fiamme gialle e poi scortati, via mare, nel Porto di Otranto. Tra loro potrebbe celarsi lo scafista: le indagini sono in corso.

Intanto sono stati tutti accompagnati al centro di accoglienza “Don Tonino Bello”, dove la Croce Rossa – coordinata dalla Prefettura – si occuperà della loro cura e assistenza.

L’ultimo sbarco sulle coste salentine, in ordine di tempo, risale al 7 dicembre scorso: quasi sei mesi fa. Il punto è, però, che intercettarli si fa sempre più complicato.

Come spiegato dagli stessi finanzieri già nei mesi scorsi, il fenomeno sta cambiando pelle: cambiano i mezzi e soprattutto le modalità. Arrivano a bordo di Yacht di lusso e potenti motoscafi noleggiati, guidati da veri e propri professionisti con esperienze di comando su navi mercantili o skipper per imbarcazioni turistiche. Tradotto: persone insospettabili su mezzi insospettabili. Ecco perchè la nuova sfida è quella degli sbarchi fantasma.

Articoli correlati

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Lecce, adesso è ufficiale, ritiro in Austria dal 14 al 28 luglio

Massimiliano Cassone

Si è spento l’avvocato Roberto Marra. Il cordoglio di Telerama alla famiglia

Redazione

Voragine nel soffitto e crepe sul balcone, Arca Sud non risponde

Mario Vecchio

Formazione e tirocini internazionali, protocollo tra Its e rete degli ostelli

Barbara Magnani