Attualità

Infortuni sul lavoro: “Vogliamo portare il pane a casa non la morte”

LECCE – Troppi infortuni e morti sul lavoro, accadimenti che cambiano la vita non solo dei lavoratori, ma anche delle loro famiglie, per questo bisogna investire sulla sicurezza, a ribadirlo i sindacati di Cgil e Uil che anche a Lecce hanno organizzato un sit-in di protesta davanti alla Prefettura in occasione dello sciopero nazionale. A tutto questo serve dire basta, dicono a gran voce uomini e donne che ogni mattina escono di casa per portare il pane e casa e hanno paura di non farvi ritorno o di subire un infortunio come quello accaduto a Franco nel 2015, mentre stava manovrando un mezzo su un cantiere il braccio gli è rimasto incastrato in un semirimorchio e questo gli è costato l’uso dell’arto. Prevenzione, formazione, più sicurezza, più controlli, questo serve in primis per evitare altre tragedie sui luoghi di lavoro.

Articoli correlati

In Piazzetta Alleanza arrivano le telecamere

Redazione

La risposta del lido: non un bacio, ma effusioni spinte

Redazione

Tutti i “nodi” del Fazzi: Covid, rebus ambulanze e pulizia

Redazione

Si insediano le consulte a Palazzo Carafa. Previste e mai attivate da 22 anni

Redazione

Briatore a “porta a porta”: tenetevi il turismo dei “ricci” e degli impasticcati

Redazione

Cilla (MRS): “allarme piromani, se ne occupino anche i servizi sociali”

Redazione