Attualità

Quartiere Stadio, tra marciapiedi rotti e ciclabili in costruzione

LECCE – Qui comincia l’avventura del pedone a rischio frattura, tra marciapiedi impraticabili ed in alcuni punti del tutto assenti, piste ciclabili un po’ dissestate e pericolose, rifiuti, erbacce e topi morti. Siamo nel triangolo delle sventure pedonali compreso tra viale Roma, viale Aldo Moro e via Caduti di Nassirya, dove chi cammina rischia di essere inghiottito da enormi buche e dove le nascenti piste ciclabili stanno invece inghiottendo metri e metri di marciapiede. Insomma, è una vera impresa camminare a piedi lungo queste strade molto più simili ad un percorso di guerra. In viale Roma resta poco e niente del lungo marciapiede, che corre pericolosamente sconnesso davanti ad una scuola materna e ad un centro sociale. Svoltando in viale Aldo Moro la situazione resta ugualmente pericolosa, con la ciclabile utilizzata assiduamente da podisti in allenamento che presenta avvallamenti e numerosi punti in cui la pavimentazione risulta rotta. Da qui in via Caduti di Nassiria, superata la rotatoria, è un attimo. E qui la situazione peggiora, notevolmente. A destra il cantiere della lunghissima pista cicalabile, a sinistra un marciapiede quasi del tutto impraticabile a causa di buche, mattoni rotti, radici di alberi sporgenti e pericolosissime. Il tutto, nello specifico lungo il tratto finale di via Nassirya, quello che costeggia il frequentatissimo palazzetto dello sport, accompagnato da rifiuti e topi morti ben in evidenza. Per chi si muove a piedi, magari di ritorno dopo aver assistito ad un partita casalinga del Lecce, o si reca a fare la spesa nei vicini discount, è un rischio quotidiano, dovendo camminare obbligatoriamente lungo la sede stradale, con il rischio di essere travolto dalle auto . Ed a poco e nulla valgono le continue segnalazioni agli uffici competenti di Palazzo Carafa per denunciare questa situazione ormai insostenibile. Intanto, anche oggi per fortuna si ritorna a casa, sentendosi un po’ eroi sopravvissuti.

Articoli correlati

I ristoratori leccesi: non è stato il green pass a farci recuperare l’estate

Redazione

Il porto si spacca in due: è lo specchio del Paese. Sit in leghista e benvenuto di #IoAccolgo

Redazione

Nuovo Dpcm, movida Cenerentola: “Il coprifuoco dimezza gli introiti. E le tasse?”

Redazione

Poliziotti solidali: dono prezioso alla Casa della Carità

Redazione

Movimentazione di sabbia nei lidi, FederBalneari Salento: tutto regolare

Redazione

Rotundo: fuori la politica dalla gestione degli alloggi ERP

Redazione