AgricolturaAttualità

Cambiamenti climatici e post xylella, imprenditori chiamati a nuove sfide

LECCE – Eventi meteo estremi sempre più frequenti, da piogge abbondanti al caldo torrido e fuori stagione, tanto che il 2023 si posiziona nel nostro Paese al secondo posto tra gli anni più caldi dal 1800, fattori questi che stanno incidendo pesantemente sull’agricoltura. A risentirne anche la produzione di olio, che secondo le stime di Unaprol-Ismea in provincia di Lecce, per la varietà leccino, si aggira intorno al 20-30% rispetto all’anno precedente, mentre gli impianti di Favolosa, stanno facendo registrare incrementi di produzione poichè tutti gli impianti messi a dimora negli anni 2018-2019 stanno entrando in una fase di piena capacità produttiva. Una doppia sfida quindi per gli imprenditori salentini, alle prese con gli effetti della xylella e i cambiamenti climatici.

Articoli correlati

Giovane straniero trova un portafogli con 500 euro e lo consegna alla polizia

Redazione

2 novembre, i Vescovi: “Impariamo a difendere la vita”

Redazione

Dal 2021 a Lecce più trasporti pubblici per centro, marine e periferia

Redazione

Per inseguire il gatto, resta bloccato sull’albero: cane soccorso dai vigili del fuoco. VIDEO

Redazione

Vicenda-Edison: saranno fondamentali le audizioni

Redazione

Ordine degli avvocati, parlano “Le voci del Foro”

Redazione