Sport

Corvino: “Essere Davide, non Golia. Abbiamo alzato il livello”

LECCE – Il direttore generale dell’area tecnica, Pantaleo Corvino, fa un bilancio a tutto tondo del calciomercato estivo del Lecce, a poche ore dalla chiusura. Un mercato importante e difficile, frutto di 14 nuovi arrivi e ben quindici cessioni, compresa quella di Hulmand la più onerosa della storia del club giallorosso con il ricavato che è stato tutto investito in entrata: “Ecco la conferenza stampa per concludere il mercato sia perché non ci saranno ulteriori ingressi e anche perché io e Stefano Trinchera saremo a Lecce la settimana prossima. Il nuovo ciclo è cominciato seguendo la solita strategia dei mercati alternativi, dei giovani e della patrimonializzazione. Non è facile cercare di coniugare l’aspetto finanziario a quello sportivo.  Questo nuovo ciclo è partito con la cessione di Hjulmand, la più importante della storia del Lecce. Quella cifra è stata interamente reinvestita su giovani acquistati a titolo definitivo. Tutto questo operando anche sul monte ingaggi che per i bilanci sono debiti certi e più è alto e più debiti contrai. Rispetto ad altri club della Serie A, abbiamo un monte ingaggi basso e credo anche  tra i più bassi d’Europa: 15,5 milioni lordi. Non lo diciamo per vantarci, avevamo un compito e lo stiamo rispettando, quello di eliminare il dissesto finanziario. In tutto ciò, sono arrivati anche dei risultati sportivi e la nostra Primavera ha lo Scudetto. Vogliamo alzare l’asticella, non è facile, vogliamo sentirci Davide per distruggere Golia. Guai però a sentirci noi Golia. Se mi vedete arrabbiato è perché la serie A è un animale difficile da combattere e questo mi preoccupa”. 

LA ROSA E IL NUOVO CICLO Poi, si parla anche di numeri: “Abbiamo abbassato l’età media della Rosa, ora è a 23,2 anni. Siamo i più giovani d’Italia e nei primi tre club d’Europa. Abbiamo una rosa di 30 calciatori e 5 portieri, non a caso. Su 25 calciatori di movimento, 17 sono nati dal 2000 al 2004. Questo è un vanto importante. Ci sono 7 calciatori figli della Primavera, altro vanto”.

IL MODULO Infine, dice la sua anche sul modulo tattico: “Le strade per arrivare a Roma sono infinite. Abbiamo dimostrato che seguendo una strada , il 4-3-3, ndr, sono arrivati i risultati. Tra 4-3-3 o 4-2-3-1 non cambia molto. Non è una strada molto differente. Giocatori duttili? Blin ha delle qualità e può giocare in più ruoli, scegliamo i giocatori per quello, per la loro duttilità. Strefezza può essere come Mertens e giocare da centrale ma lui può ricoprire più ruoli. Il mio colpo preferito? Sono tutti dei pezzi di cuore”. 

Car. Tom.

Articoli correlati

Brindisi FC, passo dopo passo, organigramma quasi completo

Massimiliano Cassone

Prisma Taranto, si parte in casa con Allianz Milano

Massimiliano Cassone

Il Lecce torna ad allenarsi dopo la mattina di riposo concessa da Gotti

Mario Vecchio

Lecce, il portiere Viola ceduto al Team Altamura

Tonio De Giorgi

Manca solo l’ufficialità: Pongracic ha svolto le visite mediche con la Fiorentina

Massimiliano Cassone

A.C. Nardò ecco Calderoni e Amil

Redazione