Eventi

Sant’Oronzo: il messaggio di Mons. Seccia alla città

LECCE – Si è conclusa da pochi minuti, come avete potuto vedere seguendo la nostra diretta, la tradizionale e solenne processione che ha dato il via alle celebrazioni in onore dei Santi Oronzo, Giusto e Fortunato, al termine della quale l’arcivescovo di Lecce Mons. Michele Seccia ha pronunciato il suo messaggio alla città di Lecce.

I temi affrontati nel suo discorso sono stati molteplici, dalla guerra in Ucraina sino al gran disagio giovanile che dilaga come una malattia nel territorio, ma dietro alla sue parole il perentorio invito ad ispirarsi, nel quotidiano, alle testimonianze dei Santi Patroni che vengono festeggiati in questi giorni.

Significative le parole in memoria di Don Tonino Bello e di Mons. Nicola Riezzo, entrambi mentori spirituali dell’attuale arcivescovo di Lecce. “Anche la nostra Città, nel suo piccolo, -ha affermato il vescovo Michele Seccia- deve educare alla pace ed essere ponte di pace.

ECCO IL MESSAGGIO ALLA CITTÀ DI MONS. SECCIA

“Se il Signore non costruisce la casa, invano vi faticano i costruttori.
Se il Signore non custodisce la città, invano veglia il custode.
Invano vi alzate di buon mattino e mangiate pane di sudore” (Salmo 126).
Il Salmista, cantore dell’amore benevolo di Dio, fa un triplice ricorso all’espressione “invano” per
affermare che la casa, la città, il lavoro avranno consistenza solo se Dio benedice e sostiene gli sforzi
umani. Dunque, senza l’intervento del Signore e alla luce del solo ingegno umano, ogni azione è
destinata a fallire.
A volte, però, noi ci illudiamo nel pensare che il Signore intervenga nel mondo attraverso la
“bacchetta magica”, oppure compiendo prodigi e favolosi miracoli a ogni piè sospinto.
Non è questo ciò che ci insegna la fede. Non è questo ciò che ci insegnano i nostri Santi Oronzo,
Giusto e Fortunato che questa sera abbiamo seguito fisicamente in processione come pellegrini in
cammino e che dovremmo imparare a conoscere meglio provando a imitarne la scelta di vita per il
Vangelo e il martirio delle piccole cose? Il Signore ordinariamente interviene in ogni avvenimento
della storia, attraverso quegli uomini e quelle donne che, accogliendo la sua Parola e vivendo del suo
Vangelo, diventano luce del mondo e sale della terra. È valso per loro tre; vale per ciascuno di noi.
Così, madre Teresa di Calcutta poteva dire di essere “matita nelle mani di Dio”, e sant’Agostino
affermava che: “Quel Dio che ti ha creato senza di te, non vuole salvarti senza di Te”.
Detto con parole semplici: il Signore è alla continua ricerca della collaborazione degli uomini.
Desidera ed invoca la mia, la tua collaborazione!
Egli, però, nel richiedere collaboratori solerti, creativi, generosi, non si lascia vincere in bontà. Infatti,
ci assicura il suo sostegno, la sua luce, la sua forza, il suo amore, finché non portiamo a compimento
l’opera intrapresa.
Sotto questa luce della fede, è oggi possibile per me, Vescovo e Pastore di questa Chiesa locale che
è in Lecce, ribadire con forza che: è vano affrontare le sfide comuni come se fossero un’impresa
individuale; è inutile pensare di risolvere i problemi di una città ricorrendo sempre allo scontro e alla
polemica verbale; è velleitario pensare di amministrare un territorio senza un progetto e un’idea
condivisa di bene comune; è illusorio, infine, ritenere che i problemi quali la denatalità, l’educazione
dei figli, il disagio giovanile, l’emergenza abitativa per le giovani coppie non siano una questione che
ci riguarda e coinvolge tutti.
L’attività umana non basta a sé stessa, se non è indirizzata al “bene comune”, nella luce della fede.
Nel corso della Visita pastorale, ho intravisto innumerevoli “volti” di persone che si spendono per il
“bene comune”: da coloro che lavorano nel volontariato fino alle diverse forme dell’associazionismo
cattolico; da coloro che si impegnano ogni giorno per il servizio ai poveri fino a quelli che, come
imprenditori, hanno cura di far crescere collaboratori e si spendono nella solidarietà. Come non
pensare poi agli educatori, agli operatori sociali, ai consultori familiari e a chi si occupa
dell’integrazione degli immigrati.
La Comunità civile dovrà sempre meglio saper investire le proprie energie sulle strutture sanitarie,
sulle disabilità, sul contrasto alle diverse forme di dipendenza e sul recupero e la riabilitazione di
coloro che sono in carcere. Anche la lotta contro la criminalità non può risolversi esclusivamente
nella repressione, ma deve contemplare anche strumenti efficaci di prevenzione, sia in ambito
educativo, sia in campo sociale. Tra i tanti che si spendono per compiere il bene, mi sia permesso di
sottolineare il lavoro silenzioso di numerosi sacerdoti che si impegnano per la crescita della comunità
e per l’annuncio del Vangelo. Quanto sono grato ai miei presbiteri! La Città tutta è chiamata a
esprimere gratitudine verso queste “sentinelle del bene”, che aiutano i poveri, visitano gli ammalati,
sostengono i vacillanti, ascoltano gli oppressi e si spendono per il servizio al Signore. I sacerdoti,
però, non devono essere lasciati soli, ma l’intera comunità cristiana è chiamata a condividere con loro
questo anelito al rinnovamento della nostra Città. Il cammino sinodale, ormai giunto alla fase
sapienziale, sta iniziando a dare i suoi primi frutti, mettendo la Comunità diocesana in cammino verso
un orizzonte, caratterizzato sempre più dalla partecipazione e dalla comunione. D’altra parte, la
testimonianza del martirio dei nostri Patroni ha una eloquenza straordinaria. Oronzo, Giusto e
Fortunato, pur avendo esperienze di vita differenti, sono stati accomunati dallo stesso destino. Essi
non hanno parlato di comunione, ma l’hanno vissuta, perché “comunione” non è una semplice parola,
ma è testimonianza e dono di vita.
Dinanzi alla crisi permanente di oggi, per affrontare le nuove sfide della fase post-pandemica, è
necessario scommettere sulle positive potenzialità di quegli uomini e donne che ricercano non gli
interessi di parte, bensì quelli della collettività, e innestare processi che favoriscano le relazioni
interpersonali e contrastino il male della deresponsabilizzazione. Senza la cura nelle relazioni, la vita
umana si impoverisce smarrendo pezzi preziosi di realtà, perdendosi nell’incuria e nell’indifferenza.
E senza relazioni sane, non è possibile vivere in autentica e vera comunione.
A questo proposito, mi si permetta di far riferimento allo smodato utilizzo dei social media, e ai tanti
rischi presenti nella convulsa navigazione nell’etere. Vedo sempre più che le giovani generazioni
hanno come migliore e, a volte, persino unico amico, il cellulare. Esse vengono assorbite a tal punto
dalla vita virtuale da perdere il contatto con la vita reale. Sembra che le persone valgano a partire
solamente dai “like” che ricevono sui loro post oppure dai “followers” che li seguono nei vari canali
social. Al fine poi di raggiungere i loro scopi e avere più seguaci in “rete”, esse spesso si spingono a
pubblicare foto, immagini, video quanto meno di cattivo gusto, se non proprio volgari e violenti.
Sembra che siamo divenuti schiavi di un “sistema virtuale” che noi stessi abbiamo costruito per essere
meglio connessi. In verità, questo sistema presenta gravissime falle, perché, invece di renderci più
connessi e umani, ci sta rendendo disconnessi e disumani.
Davanti a queste sfide della post modernità, l’invito della comunità cristiana è quello di guardare
dentro di noi e di riscoprire quell’altissima destinazione a cui il Signore non si stanca di chiamarci:
la costruzione del Regno di Dio in mezzo alle case degli uomini.
Tale costruzione di una nuova civiltà dell’amore, fecondata dalla Parola di Dio, irrigata dalla vigile
testimonianza, e resa fertile dallo spirito di comunione, ci è affidata sia come singoli, sia come
comunità. Essa, però, non si può nemmeno immaginare senza la coltivazione della santità. Lo dico
senza timore: Lecce ha bisogno di santi, Lecce ha urgente necessità di uomini e donne che si
impegnino a servizio del bene comune per l’avvento della civiltà dell’amore. E oggi conviene far
memoria dei nostri santi!
Quest’anno ricorre il centenario della nascita al Cielo di San Filippo Smaldone, il santo dei sordomuti
e la perla del clero meridionale. Egli fu sacerdote instancabile che si prese cura dei fratelli e delle
sorelle più bisognosi, con particolare riferimento ai sordomuti, i quali, nel suo tempo, non potevano
nemmeno accedere all’istruzione e alla vita di fede a causa delle loro condizioni. Il Santo, invece, si
adoperò per questa categoria di persone abbandonata a se stessa e insegnò a tutti a rivalutare la dignità
di ogni uomo.
Inoltre, proprio quest’anno ricordiamo i 30 anni della scomparsa del Vescovo Tonino Bello, per tutti
don Tonino. Quanto sono attuali le sue profetiche parole e le sue battaglie per un’Europa segnata
dalla cultura della pace. Anche la nostra Città, nel suo piccolo, deve educare alla pace ed essere ponte
di pace. Il mio pensiero corre alla guerra in Ucraina e va alle tante vittime di questa “inutile strage”,
che causa una sempre più crescente spirale di odio e violenza, e mostra fino a dove può giungere la
mostruosità del peccato quando attecchisce nel cuore umano.
Quest’anno commemoriamo anche S.E. Mons. Raffaello Delle Nocche il quale, cento anni fa, fondò
la Congregazione delle Suore Discepole di Gesù Eucaristico, ponendola a servizio delle famiglie più
deboli e fragili e insegnando alle sue suore a recarsi nei paesi più sperduti per portare educazione
religiosa, istruzione e spirito di famiglia. Mons. Raffaello, prima di essere Vescovo di Tricarico, fu
sacerdote in questa diocesi di Lecce e, fin da subito, si fece valere per il suo animo di apostolo dei
poveri.
Ci ha poi riempito di gioia l’annuncio della venerabilità di Don Ugo De Blasi, valente sacerdote,
parroco e vicario generale della nostra Chiesa locale. Il suo illuminato esempio, la sua profonda
dottrina, la sua fervente predicazione hanno formato intere generazioni di leccesi.
Permettetemi stasera, inoltre, di ricordare un ultimo nostro “santo”. Il Servo di Dio Nicola Riezzo di
cui, alcuni giorni, fa abbiamo ricordato il 25° anniversario della morte. Non credo di averlo mai
conosciuto di persona ma ho letto tanto di lui e ogni volta che mi reco a Squinzano nella chiesa
matrice, passo dalla sua tomba semplice e sobria – proprio secondo il suo stile – e prego perché mi
aiuti ad essere pastore secondo il cuore di Dio. Per me vescovo, rimane un esempio fulgido di umiltà
e carità. Un discepolo del Signore che ha vissuto nella contemplazione del Mistero di Dio, sposando
la povertà e l’amore evangelico verso tutti e verso gli ultimi in particolare. Una figura che la Chiesa
di Lecce dovrebbe riscoprire e rivalutare non per una questione di aureole ma perché tutti abbiamo
bisogno di comprendere che vivere per Cristo e per la sua Chiesa è alla portata di tutti.
Poi vi sono i santi e le sante della porta accanto, presenti in modo silenzioso, tra noi. Pur non venendo
alla ribalta, sono proprio costoro ad alimentare la speranza in un mondo migliore, radicato nel rispetto
reciproco e nella concreta solidarietà.
Infine, in questo tempo in cui tanti sono i visitatori che ammirano le nostre coste e i nostri monumenti,
richiamiamo tutti alla cura del bello e alla valorizzazione di quanto i nostri padri ci hanno lasciato.
Quest’anno, poi, l’impegno per la cura del creato si concretizza nella custodia dei nostri boschi e
della nostra flora, virulentemente attaccata da criminali atti incendiari che hanno causato panico nella
popolazione. È proprio vero che per distruggere un bosco ci vuole un attimo, ma farlo crescere ci
vogliono anni!
Volgiamo ora lo sguardo verso i nostri Santi Patroni, che hanno bagnato il nostro territorio con il
sangue della loro testimonianza. Essi ora continuano ad irrigare dal Cielo questo estremo lembo di
terra e noi siamo chiamati a promettere il massimo impegno nella lotta contro ogni associazione
criminale, contro ogni discriminazione e nella diffusione di quei valori che abbiamo ricevuto e
appartengono alle nostre comuni radici.
Maria Santissima, Vergine in ascolto, in preghiera e fedele esecutrice della volontà di Dio, ci assista
in questo lavoro così impegnativo e Voi, Santi Oronzo, Giusto e Fortunato, PREGATE PER NOI!
AMEN!

 

 

Articoli correlati

Mattew Lee incanta il pubblico del secondo evento di Teatini in Musica 2024

Barbara Magnani

Luglio in sala: tra hobbit, supereroi e drammi storici

Davide Pagliaro

Tutto pronto per la 12a “Charme in rosa”, il trionfo di vini rosati e oli pugliesi

Barbara Magnani

Giunta Lecce, gli auguri di buon lavoro di Forza Italia

Redazione

Porto Cesareo, restituita alla comunità una villa confiscata ai mafiosi

Redazione

“Un’emozione dal Salento” una 20a edizione con tanti ospiti d’eccellenza

Barbara Magnani