Sport

Taranto, grandi manovre: rinnova Romano, ufficializzato Enrici

TARANTO – Il Taranto rompe il silenzio e in poche ore annuncia la firma di un biennale da parte del difensore

Patrick Enrici e il prolungamento del contratto di Antonio Romano.

Enrici, classe 2001 di Cuneo, è reduce da due stagioni giocate con il Lecco, club con il quale ha vinto l’ultima edizione dei playoff e conquistato la serie B.

Cresciuto nei settori giovanili di Pro Vercelli e Torino è giunto nel professionismo del calcio in C con la Sambenedettese dove è sceso in campo 26 volte, successivamente è passato al Lecco diventando un punto fermo della retroguardia dei lombardi che lascia dopo 72 presenze, 1 gol e 1 assist. Il suo arrivo era una notizia di cui mancava solo il comunicato ufficiale, già prima di ferragosto era stato trovato l’accordo.

Enrici è di piede sinistro quindi predilige la parte sinistra ma può ricoprire anche il ruolo di centrale di difesa e dunque con la sua duttilità va a completare il reparto arretrato rossoblù con una ventata di gioventù dove ci sono anche gli over Riggio, Antonini e De Santis.

Antonio Romano e Massimo Giove presidente del Taranto (foto FC Taranto – W. Nobile)

Mentre il centrocampista Antonio Romano ha firmato il prolungamento contrattuale fino al 30 giugno 2025; per lui una gradita riconferma dopo l’ottimo campionato della passata stagione in cui è sceso in campo 31 volte, segnando 3 gol e fornendo 2 assist.

Il Taranto è pressoché completo, potrebbe arrivare, nelle ultime ore del mercato, un profilo over per il reparto avanzato ma senza fretta.

Articoli correlati

Taranto, secondo giorno di ritiro

Massimiliano Cassone

Brindisi FC, passo dopo passo, organigramma quasi completo

Massimiliano Cassone

Prisma Taranto, si parte in casa con Allianz Milano

Massimiliano Cassone

Il Lecce torna ad allenarsi dopo la mattina di riposo concessa da Gotti

Mario Vecchio

Lecce, il portiere Viola ceduto al Team Altamura

Tonio De Giorgi

Manca solo l’ufficialità: Pongracic ha svolto le visite mediche con la Fiorentina

Massimiliano Cassone