Politica

Pagliaro: “Voli e collegamenti sbilanciati a vantaggio di Bari, scalo del Salento penalizzato”

SALENTO – “Il presidente Emiliano risponda sul mancato potenziamento dell’Aeroporto del Salento, che chiedo incessantemente da anni e anni, gli ultimi tre come consigliere regionale. Interviene così il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani, Presidente Movimento Regione Salento sulla questione voli e collegamenti sbilanciati a vantaggio di bari, e scalo del salento penalizzato. Finora sono stati disattesi tutti gli impegni in tal senso, – ribadisce il consigliere e la gestione degli scali pugliesi risulta fortemente sbilanciata a vantaggio di Bari. Di questo Pagliaro chiede conto in un’interrogazione urgente, sollecitando politiche mirate per sviluppare le potenzialità dello scalo brindisino, dimezzato per operatività rispetto a Bari. La nota diffusa da Aeroporti di Puglia evidenzia un lieve incremento del traffico passeggeri a luglio scorso rispetto allo stesso mese di un anno fa, aggregando i dati di tutti gli scali pugliesi. Ma di fatto l’aeroporto salentino è in calo è, a prescindere da questi dati che fotografano un solo mese, basta guardare il numero e le destinazioni dei voli per valutare l’impatto del trasporto aereo sul turismo, che penalizza il Salento e dirotta i flussi nel barese. Ecco perché – rimarca il consigliere – servono politiche mirate, mentre quelle della Regione vanno nella direzione opposta puntando solo su Bari.
Ma veniamo ai numeri: basta andare sul sito di Aeroporti di Puglia e guardare quelli di oggi, 17 agosto. Le partenze totali da Bari sono 72, di cui 40 per destinazioni internazionali, e gli arrivi 72, di cui 42 di provenienza internazionale; mentre da Brindisi si contano 37 partenze e altrettanti arrivi, di cui solo 11 da e per aeroporti internazionali.
Se poi si analizzano i collegamenti stagionali, da Bari se ne contano 75, di cui ben 59 internazionali, mentre Brindisi si ferma a 37 collegamenti, di cui solo 24 internazionali.
Numeri che inquadrano nitidamente la scarsa operatività e attrattività dello scalo salentino rispetto a quello barese. Ma non basta: i viaggiatori, turisti e salentini , lamentano collegamenti disagevoli e sconvenienti da Brindisi rispetto a Bari, sia con i principali aeroporti italiani sia con quelli europei, a causa di orari scomodi e tariffe più alte. Quotidianamente – dice Pagliaro – raccolgo testimonianze di rabbia e sconforto di chi è costretto ad andare dal Salento a Bari per poter volare.
Tutto questo limita fortemente la capacità attrattiva dello scalo brindisino, nonostante rappresenti l’infrastruttura principale per l’arrivo di turisti italiani e stranieri nel Salento, che non solo in estate svetta tra le mete preferite. Ne è una prova il successo dei collegamenti low cost con Dublino, che contribuiscono a destagionalizzare i flussi e possono rappresentare un modello da seguire per nuove politiche di incoming.
Naturalmente c’è tanto da fare anche per tutto ciò che ruota attorno all’aeroporto, per colmare la carenza o addirittura mancanza di collegamenti ferroviari e su gomma con i capoluoghi e le località di vacanza da raggiungere, per cui è necessario ricorrere a mezzi privati e dunque molto più costosi. È fin troppo evidente che su Brindisi non è stato fatto un adeguato lavoro di programmazione rispetto alla pressante domanda turistica nazionale ed internazionale, con un dirottamento su Bari che penalizza il Salento. Non possiamo più accettare – conclude il consigliere – che il nostro territorio sia trattato da cenerentola rispetto a Bari, che invece può godere dei benefici dell’aeroporto ritenuto il principale della Puglia. Lo scalo di Brindisi ha le stesse potenzialità e reclamiamo interventi mirati ad azzerare una sperequazione ingiusta e inaccettabile.
Di tutto questo chiedo conto nella mia interrogazione al presidente Emiliano, finora sordo alla mia martellante richiesta – che ricorda Pagliaro, è poi quella di un intero territorio, dei suoi residenti e dei suoi operatori turistici ed economici in generale, ma anche dei turisti che scelgono il Salento – di rimettere in equilibrio la gestione dei due principali scali regionali, oggi fortemente sbilanciata ad evidente vantaggio di Bari”.

Articoli correlati

Brindisi, Fratelli d’Italia resta in maggioranza

Mimmo Consales

Il sindaco istituisce un tavolo permanente per lo sviluppo della città

Barbara Magnani

Legge Autonomia differenziata, VII Commissione dice No a referendum per abrogarla

Redazione

Governance Poll: cala consenso per Emiliano. Penultimo in classifica  

Mariella Vitucci

Aree idonee per nuovi impianti da fonti rinnovabili: “Regione attui decreto ministeriale”

Redazione

Consiglio Regionale, M5S smentisce: “Nessun patto Emiliano-Conte”

Paolo Franza