Cronaca

Scontava 18 anni di carcere, in permesso ma ubriaco al volante. Ancora guai per l’omicida di Noemi

CAGLIARI – Ancora guai per Lucio Marzo, 24 anni, condannato a 18 anni di carcere per avere ucciso la fidanzata Noemi Durini, nel 2017.

Il ragazzo che si trovava in permesso premio è risultato positivo all’alcol test dopo un controllo stradale. Fermato dalla polizia, ha tentato la fuga prima in auto e poi a piedi ma è stato bloccato subito dopo.  Il 24enne è detenuto nel carcere minorile di Quartucciu in Sardegna e stava godendo di un permesso concesso dall’autorità giudiziaria perché potesse lavorare in un esercizio commerciale. Permesso ora revocato e nuova denuncia per lui.

Articoli correlati

Tragico scontro in autostrada, muoiono il fratello e la cognata del prefetto di Foggia

Redazione

Ospedale Covid Bari, indagati per corruzione e falso Lerario, Mercurio e altri 8

Redazione

Immersione fatale: muore sub di 62 anni a Santa Caterina

Erica Fiore

Sequestri in riva al mare: a Porto Cesareo sigilli ad un lido abusivo, a Tricase ad un ristorante

Erica Fiore

Furgone distrutto dalle fiamme in pieno centro abitato: si indaga

Erica Fiore

Sfasciò l’auto della ex con una mannaia: condannato. IL VIDEO della sfuriata

Erica Fiore