AttualitàPolitica

Salento caro? “Prezzi per tutte le tasche”: il reportage di Pagliaro da un lido di Castro

Nota del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani e Presidente MRS
“Nonostante la martellante campagna denigratoria che ha preso di mira il settore turistico-ricettivo salentino e pugliese, il disco rotto della frisa a 16 euro (prezzo giustificato da ingredienti e location di lusso) è una fotografia distorta di un’offerta in realtà molto variegata. In Salento, come dappertutto, come spendi mangi: e quindi se, anziché scegliere una frisa gourmet, si opta per una versione classica, il prezzo scende sensibilmente. Lo dimostrano i listini, affissi e trasparenti. Tanto per fare un esempio, in un lido della splendida Castro – come documenta il video che ho girato e che allego – la frisa di grano nero con olive, capperi, pomodorini e olio extra vergine di oliva costa 3 euro e 50 centesimi. Si spendono un euro per un caffè, due euro per un cappuccino o per il caffè in ghiaccio alla leccese: prezzi più che onesti, considerato il valore aggiunto della vista sul mare cristallino. Ed anche i prezzi delle postazioni in spiaggia sono assolutamente ragionevoli: 21 euro al giorno per un ombrellone e due lettini, 17 euro per un ombrellone e due sdraio nel periodo clou della stagione. E, accanto allo stabilimento, c’è la scogliera libera a costo zero per godere di questo paradiso. Altro che salassi da 500 euro a famiglia e anche più! Chi è disposto a spendere tanto, lo fa per scelta consapevole ed è anche giusto che vi sia un’offerta super lusso per questa fascia di clientela. Ma i fatti smentiscono la narrazione di un Salento ovunque carissimo, quasi intoccabile: qui il turista, come dappertutto del resto, è libero di scegliere in base alle proprie tasche e ai propri gusti il tipo di vacanza che vuole.
Anche i numeri diffusi dall’istituto Demoskopica smentiscono la cattiva stampa: prendendo in esame i dati dell’inflazione sul turismo nel nostro Paese a giugno scorso, la Puglia risulta a metà classifica con rialzi in linea con il dato nazionale (+8,5%), ben dopo regioni turistiche in cui la crescita dei prezzi è stata sensibilmente più alta: Lazio (+9,5%), Lombardia (+9,2%), Toscana e Molise (+9.1%).
A dispetto della campagna di stampa avversa, i dati del più importante motore di ricerca di viaggi e vacanze dicono che la Puglia è la regione con il più elevato numero di prenotazioni su base settimanale per il periodo a cavallo di Ferragosto. Fa inoltre registrare la più elevata percentuale di strutture al completo: 90% dall’8 al 20 agosto, a fronte dell’86% della Toscana e dell’80% dell’Emilia-Romagna.
Dunque, si rassegnino i denigratori: la bellezza della nostra terra e del nostro mare val bene qualche euro in più”.

Articoli correlati

Lecce, Andrea Pasquino nuovo capogruppo di Fratelli d’Italia

Redazione

Salve, per la prima volta arriva il piano urbanistico generale

Redazione

Stabilimenti, per la corte UE le opere inamovibili diventano proprietà dello Stato

Redazione

Brindisi – in attesa di FDI una Giunta a sette…

Mimmo Consales

Festival Valle d’Itria, 50 anni di grande musica. A Martina Franca dal 17 luglio al 6 agosto

Mariella Vitucci

Contact center: “L’intelligenza artificiale è una sfida da raccogliere”

Antonio Greco