Cronaca

Taranto, Fiamme Gialle: maxi sequestro di cosmetici e bigiotteria

TARANTO – Oltre un milione e 500 mila prodotti pericolosi per la salute pubblica sequestrati dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Taranto. I controlli hanno interessato alcuni esercizi commerciali del capoluogo ionico. Si tratta di cosmetici privi delle prescritte etichette di sicurezza, bigiotteria e articoli in plastica per uso alimentare privi delle informazioni previste dal “Codice del Consumo”. Tale provvedimento normativo stabilisce, infatti, che i prodotti destinati al consumatore, commercializzati sul territorio nazionale, debbano riportare le indicazioni relative alla denominazione legale o merceologica del prodotto, all’identità del produttore, all’eventuale presenza di sostanze in grado di causare potenziale danno al consumatore, nonché ai materiali impiegati e ai metodi di lavorazione. I titolari delle tre rivendite interessate dai controlli sono stati segnalati alla competente Autorità amministrativa. Le indagini del comando provinciale della Guardia di Finanza di Taranto proseguono e sono ora finalizzate alla disarticolazione della catena logistica, organizzativa e strutturale della filiera, nonché al recupero a tassazione dei ricavi derivanti da tali condotte illecite. Contrastare la diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza significa contribuire a garantire una protezione efficace dei consumatori ed un mercato competitivo che consenta agli operatori economici onesti di beneficiare di condizioni eque di concorrenza.

Articoli correlati

No tardivo della Soprintendenza, il Tar stralcia il parere: al via i lavori al Ciolo

Redazione

Abusi su compagna e figliastra, a processo commerciante di Salice

Redazione

Cade dall’albero, grave 64enne di Ruffano

Redazione

X Factor Albania, una salentina si gioca la vittoria finale

Redazione

Ilva presenta il ‘piano anti-veleni’, Ferrante in Procura: “Ma lasciateci produrre”

Redazione

L’attesa è finita: la città si riprende il parco del Galateo ma non l’ex ospedale

Redazione