CronacaEvidenza

Traffico di migranti: 29 arresti in tutta Italia. Operazioni anche nel Salento

SALENTO – Traffico di migranti: 29 persone, fortemente indiziate di appartenere ad una associazione transnazionale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed al riciclaggio del denaro provento dell’attività illecita, sono state arrestate. Tutti i dettagli li sta fornendo in queste ore la Squadra Mobile di Crotone.

E l’operazione ha riguardato anche Lecce e Brindisi. Coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, è in corso dall’alba di questa mattinata, con l’impiego di poliziotti appartenenti al Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine ed alla Squadra Mobile di Crotone, in collaborazione con la Squadra Mobile di Brindisi, Foggia, Grosseto, Imperia, Lecce, Milano, Torino e Trieste, e con la partecipazione di personale dell’Agenzia Europol e della Divisione Interpol, attraverso i collaterali Organismi esteri interessati alle operazioni.

“Destinatari dei provvedimenti restrittivi -scrive la Polizia di Stato- sono 29 soggetti fortemente indiziati di far parte di un sodalizio articolato in cellule presenti in Italia ed all’estero (Turchia e Grecia), i cui appartenenti, pur con compiti differenti, avevano un obiettivo unico, quello di far giungere i migranti in Italia sfruttando la rotta marittima del mediterraneo orientale, a bordo di natanti del tipo veliero, con partenza dalla Turchia e dalla Grecia”. Il procedimento è attualmente nella fase delle indagini preliminari. Il Prefetto Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, sottolinea che “le indagini della Polizia di Stato, coordinate dalla Dda di Catanzaro, sono durate quasi 4 anni e hanno permesso di colpire con 29 ordinanze di custodia cautelare in carcere – emesse dal Gip di Catanzaro – un’organizzazione transnazionale dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al riciclaggio delle somme derivanti dai pagamenti dei migranti”. “E’ stato smantellato un gruppo malavitoso capace di garantire l’arrivo a destinazione di migliaia di migranti, in transito per l’Italia dalla c.d. rotta balcanica marittima, attraverso l’uso di velieri condotti da scafisti per lo più russofoni. Veniva garantito l’arrivo a destinazione del migrante al prezzo complessivo di circa 10 mila euro; in sostanza era stato creato un vero e proprio sistema di accoglienza illegale”.

Articoli correlati

“Patate francesi spacciate per salentine”, ma l’azienda smentisce le accuse

Redazione

Vandali a scuola, l’ADOC: “No alle grate, sì alla sensibilizzazione”

Redazione

DIA: maxi confisca di beni ai danni di 82enne

Redazione

Ilva, i sindacati incontrano Emiliano: “C’è unità. Gettate le basi per un percorso condiviso”

Redazione

Presi i predatori di case in campagna e aziende agricole: uccisero un cagnolino

Redazione

Furto energia, due arresti

Redazione