CronacaEvidenza

Giallo di Corigliano, esame autoptico sullo scheletro. Si parte dall’identificazione

CORIGLIANO D’OTRANTO – Trattandosi di un corpo ormai scheletrificato, durante l’esame autoptico il medico legale Alberto Tortorella ha, in prima battuta, eseguito dei prelievi e i campioni saranno esaminati innanzitutto per l’identificazione ufficiale.

Per fugare ogni dubbio, anche se sembrano non essercene, sul fatto che quel corpo senza vita con ogni probabilità da molti mesi, sia dell’83enne Antonio Caracciolo.

Trovato mercoledì scorso in casa sua a Corigliano d’Otranto, sul pavimento, avvolto in una coperta.

Il nome del suo unico figlio, Roberto, di 55 anni, è iscritto sul registro degli indagati per occultamento di cadavere: secondo gli inquirenti

avrebbe nascosto la morte del padre per continuare a percepirne la pensione. E proprio conoscere la presunta data del decesso potrebbe far luce anche su questa ipotesi. Basterebbe infatti compararla con eventuali prelievi di denaro effettuati dal figlio allo sportello al Postamat per confermare l’indebita riscossione della pensione dell’anziano, pari a circa 700 euro mensili.

Intanto continuano a emergere dettagli su ciò che è stato prima della drammatica scoperta del cadavere.

Chi conosceva l’anziano da anni ne parla come di una persona umile e molto dignitosa, che alle spontanee e generose proposte di aiuto da parte degli amici rispondeva “Grazie, ma pensa a tutto mio figlio”. Figlio che, alle insistenti domande di vicini, compaesani, amici e conoscenti preoccupati dal non vedere l’anziano in paese da mesi, raccontava che quest’ultimo era partito in Svizzera e che sarebbe rientrato a ridosso del Natale. A Natale, poi, nuove risposte: “Papà è tornato, è a Corigliano, ma è sempre in casa perchè ha preso il Covid”.

Il punto è che era tutto credibile ed è stato questo a rallentare la drammatica scoperta del decesso. L’83enne, ad esempio, tre anni fa in Svizzera si era trasferito davvero e lì era rimasto per un anno e mezzo.

Nessuno poteva mettere in discussione il racconto del figlio Roberto, così come nessuno avrebbe potuto prevedere, comunque sia andata realmente, un epilogo simile.

Quando si avranno i risultati dei primi prelievi effettuati sul corpo, il medico legale procederà con esami più approfonditi che daranno altrettante, più approfondite, risposte.

Articoli correlati

La guardia giurata di Brindisi continua la sua battaglia a Milano

Redazione

Trovati due cagnolini, l’appello di Anpana: “Chi desidera adottarli ci contatti”

Redazione

Amore negato dalla famiglia: minacce a fidanzato, 1 arresto e 2 denunce

Redazione

Stp: bilancio in positivo, al via nuove assunzioni

Redazione

Si staccano i calcinacci da un ponte, pericolo sulla Lecce-Maglie

Redazione

Rapina nel market di Melissano: due arresti. Uno era il ladro del “gommone in tangenziale”

Redazione