Terremoto in Turchia, la Protezione Civile pugliese in campo

PUGLIA – E’ arrivato ieri in Turchia il primo contingente di aiuti fornito dalla Colonna Mobile della Protezione Civile Puglia alle popolazioni terremotate, partito giovedì scorso dal porto di Brindisi con la nave San Marco della Marina Militare. Si tratta di un mezzo, prime attrezzature di soccorso e due volontari che resteranno almeno una ventina di giorni come supporto logistico di un ospedale da campo installato dalla Protezione Civile della Regione Piemonte. Questa prima partenza ha risposto alla richiesta di attrezzature arrivata dal console turco in Italia. Ieri sera poi c’è stata una seconda partenza di un autotreno della Colonna Mobile pugliese con due container contenenti effetti letterecci (materassi, brandine, coperte e cuscini), tende per famiglie, dispositivi medici e DPI Covid, che arriverà al porto di Trieste domani mattina e poi da qui i container verranno caricati insieme a quelli di altre regioni su una nave diretta in Turchia. Questa seconda partenza risponde all’attivazione della Colonna Mobile Regionale Puglia su richiesta del meccanismo unionale di Protezione Civile di Bruxelles, che ha approvato l’elenco definitivo di attrezzature e dispositivi medici forniti dalla Protezione Civile Puglia.

“Non esistono confini, nazioni, bandiere: davanti alla sofferenza e al dolore siamo tutti fratelli – ha detto Maurizio Bruno, presidente del Comitato regionale permanente di Protezione civile – saremo sempre in prima linea per essere al loro fianco e sostenerli al massimo delle forze.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*