Cronaca

Protesi e mazzette, 4 anni e mezzo per Carmen Genovasi

LECCE – Da sei anni e otto mesi a 4 anni e mezzo di reclusione. E’ questa la condanna inflitta in appello, con il rito abbreviato a Carmen Genovasi, 48 anni, ex responsabile amministrativa del settore Assistenza protesica dell’Asl di Lecce.

La donna è coinvolta nell’inchiesta “Buste pulite” grazie alla quale la Procura di Lecce avrebbe fatto emergere un sistema corruttivo ai danni della Asl di Lecce.

In particolare, si parla di un presunto scambio di mazzette e favori per facilitare l’assegnazione delle pubbliche forniture di apparecchiature mediche e protesi. Carmen Genovasi venne arrestata in flagranza di reato nel giugno di tre anni fa assieme a Giuseppe Bruno, 59 anni di Galatina, rappresentante di società di protesi ortopediche.

La donna era difesa dagli avvocati Sabrina Conte e Stefano De Francesco.

Articoli correlati

‘Banda del bancomat’ ancora in azione, colpo da 40.000 €

Redazione

Spranghe, coltelli, cazzottiere e pistole: con le armi in tribunale

Redazione

Traffico di hashish dal Marocco: 12 arresti in tutta Italia, c’è un salentino

Redazione

Scu, il boss Pellegrino estradato dall’Ungheria

Redazione

Dopo la demolizione della ex falegnameria, ancora nessun riparo per i migranti

Redazione

Maltempo, alberi caduti in strada e sui binari. A Diso cadono le luminarie

Redazione