Ritenuto narcos, è libero in Brasile. La Procura insiste sulla confisca dei beni

BRASILE/SALENTO – Ribattezzato “Ghandi” o “l’Olandese”, Alduino Giannotta – 6oenne di Acquarica del Capo ritenuto a capo di un traffico internazionale di droga tra l’Italia, l’Olanda e la Germania – è un uomo attualmente libero che vive in Brasile, lì dove da tempo avrebbe creato la “base operativa” dei suoi affari, stringendo patti con le più grandi organizzazioni criminali di tutto il mondo.

Per queste ipotesi di reato è indagato a piede libero si diceva. E questo perchè, una volta individuato e catturato in Brasile nel 2021, è stato sì colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale leccese, ma ad oggi il “Pablo Escobar del Salento” – così come pure è stato ribattezzato – non è stato mai estradato. Motivo per cui, decorsi i termini e non avendo proceduto nelle more all’estradizione, l’uomo vive in Brasile ed è in libertà.

In mattinata durante l’udienza camerale che si è tenuta a Palazzo De Pietro – alla presenza anche del difensore di Giannotta, l’avvocato Biagio Palamà – la Direzione Distrettuale Antimafia è tornata ad insistere sulla confisca dei suoi beni. Lo fa nonostante Giannotta, al momento della notifica degli atti inerenti, si sia rifiutato di firmare.

Il sequestro degli immobili riconducili a lui, dal valore superiore al milione di euro, era stato eseguito nel dicembre 2021, ai fini della confisca. Tra questi, anche una villetta e tre immobili ricadenti nel territorio di Salve. Fabbricati che, pur essendo intestati al figlio, secondo l’accusa sarebbero stati acquistati con i proventi delle attività illecite contestate al sessantenne.

Alduino Giannotta, fin dal 1986 è stato coinvolto in diverse vicende giudiziarie relative prevalentemente al traffico internazionale di stupefacenti, al fianco dei vertici della SCU, riportando condanne, comminate da autorità giudiziarie estere, in particolare tedesche, olandesi e brasiliane.

La prossima udienza, per la discussione nel merito, è fissata a Lecce il 4 maggio prossimo.

E.F.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*