TARANTO: poker servito dal diesse Evangelisti, adesso testa alla Turris

Foto sito www.tarantofootballclub.it (W. Nobile)

TARANTO – Sono giorni caldi, anzi caldissimi, in casa Taranto: sia sul fronte campionato che su quello del calciomercato in entrata e in uscita. Mister Eziolino Capuano lavora sul campo e pensa alla gara dello Iacovone con la Turris, mentre il diesse Luca Evangelisti dietro la scrivania per completare e puntellare la rosa, ma senza stravolgerla.

Fuochi d’artificio nelle ultime ore ed il perché è presto detto: il diesse ha servito un poker sul tavolo verde dello Iacovone.

Dopo l’arrivo di Rossetti, che ha già esordito nella gara contro la capolista Catanzaro, servivano altri rinforzi: è stato cercato un under per la difesa ed è arrivato. Si tratta di Nicolò Canalicchio, mancino classe ’01, proveniente dalla Sammaurese a titolo definitivo.

Poi ecco il terzino sinistro, classe 2001, Francesco Siragusa, nato a Narni. Per lui 51 presenze in serie D con le maglie di Avezzano e Chieti con cui ha siglato 1 rete. Arriva nel Salento da svincolato.

Ed oltre a Rossetti che ha già esordito, Evangelisti ha rinforzato l’attacco con l’acquisizione a titolo definitivo di Mauro Semprini, classe 98, arriva dalla Lucchese, con la quale in questa stagione ha collezionato 16 presenze segnando una rete.

Ed infine la ciliegina sulla torta, ecco l’attaccante esterno Alfredo Bifulco, classe 97, prelevato a titolo definitivo dal Padova dove ha giocato 69 gare siglando 13 gol. Il calciatore di Ottaviano è cresciuto calcisticamente nel Napoli e vanta più di 130 presenze tra i professionisti.

Resta, poi, sempre calda la pista che porterebbe ad un amato ex: potrebbe essere già terminata, infatti, l’esperienza al Catania dell’attaccante classe 1990 Giovinco. Il giocatore potrebbe infatti ritornare al Taranto, squadra con cui ha già militato nella scorsa stagione, è una pista suggestiva ma adesso però massima concentrazione sulla Turris: con il solito obiettivo, conquistare i tre punti in una gara per niente facile.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*