Il violinista Alessandro Quarta incanta 500 liceali salentini

LECCE – Un dialogo con gli studenti sul legame esistente tra musica-scienza e musica-filosofia. È quanto il violinista Alessandro Quarta ha sostenuto nel corso dell’incontro che si è tenuto nel Centro Congressi del Polo Universitario Ecotekne a Lecce.

Chiamarlo violinista però è riduttivo. Alessandro Quarta, acclamato dalla CNN nel 2013 come “Musical Genius” e premiato nel 2017 a Montecitorio come “Miglior Eccellenza Italiana nel Mondo” per la Musica, ha vinto numerosi concorsi ed è stato protagonista di importanti eventi, tra cui gli spettacoli con il ballerino Roberto Bolle e con grandi artisti quali Lucio Dalla, Carlos Santana, Celine Dion, Liza Minelli. Il 23 novembre scorso, ha dialogato con la presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche Maria Chiara Carrozza, durante la cerimonia inaugurale del Centenario dell’Istituto del CNR.  

L’incontro, promosso dalla Provincia di Lecce e Inner Wheel Club di Lecce e alla presenza del presidente della Provincia di Lecce Stefano Minerva, della delegata del Rettore all’orientamento e counseling Emanuela Ingusci, della presidente dell’Inner Wheel Club di Lecce Maria Rita Stasi Pascariello, rientra nel progetto “Giornate di Promozione della Cultura Scientifica”, avviato dalla Provincia già dal 2016 con il coordinamento di Giovanni Podo. In questi anni, l’Ente di Palazzo dei Celestini ha organizzato decine di iniziative di vario genere (visite nei laboratori, nelle aziende e nelle strutture militari avanzate di Marina, Esercito, Aeronautica, conferenze nazionali ed internazionali di alta tecnologia), coinvolgendo migliaia di studenti e gran parte degli enti, dipartimenti universitari e centri di ricerca presenti sul territorio provinciale e regionale, ma anche nazionale.

500 gli studenti del triennio delle superiori di 15 diversi istituti scolastici provenienti dai Comuni di Copertino, Gallipoli, Lecce, Maglie, Martano, Nardò, Tricase e da Manduria che hanno riempito d’entusiasmo il centro congressi. Entusiasmo dovuto anche alle brillanti esibizioni del maestro. Tra una riflessione e l’altra ha dedicato, con un preziosissimo Stradivari, alcuni momenti all’esecuzione di brani musicali, regalando ai presenti pensieri… e musica.

Mariafrancesca Errico

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*