CronacaEvidenza

Si affaccia alla finestra e viene colpito da petardo: grave 80enne. Altre sei persone ferite dai “botti”

SALENTO – Se il primo dell’anno è tempo di bilanci, c’è un dato che purtroppo non è mai positivo: quello che riguarda i feriti da petardi e fuochi nella notte di San Silvestro. In provincia di Lecce, il più grave è un uomo di 80 anni che proprio ieri festeggiava il suo compleanno.

L’anziano, intorno alle 2,30 del mattino, si è affacciato alla finestra di casa a Torre San Giovanni, marina di Ugento, ed è stato colpito alla testa da un petardo. Lo scoppio gli ha causato un’emorragia e l’uomo è stato trasportato d’urgenza, in ambulanza in codice rosso, al pronto soccorso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce.

Qui è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico e i medici si sono riservati la prognosi. I carabinieri della stazione di Ugento stanno indagando sull’accaduto per individuare i responsabili.

Nell’ospedale Sacro Cuore a Gallipoli sono quattro le persone arrivate per lesioni da scoppio di petardi: il più grave ha riportato una ferita lacero-contusa del terzo dito della mano sinistra. È ricoverato in reparto e per lui la prognosi è di 20 giorni. Altre tre persone hanno riportato ferite più lievi con prognosi dai sette agli otto giorni.

Necessarie l cure mediche per due persone a Galatina e Copertino.

Al mattino, poi, lo scenario per le strade è devastante: chi ha deciso di far esplodere fuochi e “botti” di ogni tipo, ha lasciato dietro di sé lo scempio per terra.

Al ruguardo, ricordiamo di non raccogliere MAI petardi inesplosi, perché potrebbero scoppiare.

A nulla sono valsi divieti e ordinanze per preservare umani e animali: c’è ancora chi, evidentemente, non ha altri modi per vivere e festeggiare un bel Capodanno.

Articoli correlati

Colpito dal tronco di un albero muore un operaio dell’Arif mentre spegne un rogo

Redazione

Schianto fatale, muore una donna di 80 anni

Redazione

Malore in piscina, 13enne muore dopo 8 giorni di coma

Redazione

Lecce sulla strada giusta, 3 gol al Werder Brema

Massimiliano Cassone

Uragano ai Caraibi, morto un operaio salentino

Isabel Tramacere

Salvataggio in extremis a Nardò. La richiesta: “Serve primo intervento h24”

Paolo Franza