“No ai botti, terrorizzano gli animali e sono pericolosi”

SALENTO – Ogni anno, a Capodanno, si ripresenta il fenomeno dell’esplosione incontrollata di botti e fuochi d’artificio. Intanto non si placano le polemiche. “Ciò che dovrebbe preoccupare tutti i cittadini – spiega Federica Greco, Dirigente Dipartimento creature non umane del Movimento Regione Salento – è il grave impatto che essi hanno sull’intero habitat; infatti, oltre che fonte di incidenti per gli esseri umani, di inquinamento acustico e disturbo per gli animali d’affezione, i botti hanno un impatto diretto sulla fauna selvatica”. Secondo diversi studi è assai nociva l’immissione nell’aria di polveri sottili, di sostanze chimiche dannose e di particelle metalliche, che superano abbondantemente il valore limite tollerato mettendo, conseguentemente a rischio la salute di chi ha già determinate patologie e non solo.

È dovere dello Stato, in particolare dei Comuni – sottolinea Federica Greco – tutelare la salute ed il benessere dei cittadini e non solo, degli animali d’affezione, ma anche di quelli selvatici e dei volatili, che ne hanno la peggio. Nonostante tutto si possono stimare in decine di migliaia gli animali domestici che muoiono e che scappano, i selvatici che si feriscono, gli uccelli che, disorientati e impauriti, vanno a sbattere contro muri o tralicci dell’alta tensione o che muoiono per infarto”.

Alessandro Baffa

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*