Attualità

Cane legato all’auto e ucciso: per lui un’emozionante fiaccolata, “pene più severe”

COCUMOLA/CERFIGNANO – “Siamo qui per chiedere giustizia e non solo per White: indignarsi non basta, servono pene più severe“.

I cittadini di Cerfignano e Cocumola non ci stanno ad essere associati all’episodio agghiacciante che a metà dicembre ha scosso le due comunità: White, al quale venerdì pomeriggio hanno dedicato questa emozionante fiaccolata, è il maremmano barbaramente ucciso da un anziano di Cocumola. Il cane aveva ammazzato due delle galline di proprietà dell’uomo e lui ha scelto di punirlo, legandolo con una corda all’auto e trascinandolo fino ad ucciderlo.

A fermarlo, lungo la strada che collega la frazione di Cerfignano con Santa Cesarea Terme, una guardia zoofila volontaria, che è riuscita a mettersi di traverso all’auto del pensionato e ad allertare le Forze dell’Ordine. White era già morto.

L’uomo è stato denunciato a piede libero e sull’episodio, balzato agli onori della cronaca nazionale, è intervenuta anche l’OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) che ha invocato maggiore attenzione e pene più severe a fronte di episodi come questo.

Nelle scorse ore, si diceva, tante associazioni animaliste e zoofile salentine hanno ricordato il povero cane: il corteo partito da Cocumola si è concluso a Cerfignano. Si invoca a gran voce giustizia per quanto successo: “Chi maltratta o uccide animali – hanno detto all’unisono -non deve restare impunito, nessuno si volti dall’altra parte”.

E.F.

 

Articoli correlati

Isabella e Alessandro Vespa (figlio di Bruno Vespa) hanno pronunciato il fatidico “sì” nella cattedrale di Oria

Redazione

Ballottaggio, incontro “segreto” con vertici Asl e dirigenti medici

Sergio Costa

Centrodestra: “Emiliano chiama alle armi i primari della Asl pro Salvemini”

Sergio Costa

A Brindisi premiati gli studenti con il premio “Honestas”

Andrea Contaldi

Incentivi e opportunità per le imprese, continuano i convegni informativi di Federaziende

Barbara Magnani

Arpal e Progetto Policoro a sostegno delle fasce più deboli

Andrea Contaldi