La Brindisi Multiservizi affida in subappalto anche il carro attrezzi!

BRINDISI – Siamo alle solite: il Comune di Brindisi ha bisogno di una serie di servizi e invece di bandire regolari gare d’appalto si affida alla sua società partecipata Brindisi Multiservizi. Una scelta assolutamente condivisibile, tanto più se si considera che la stessa società dà lavoro a tanti dipendenti e che poter contare su una partecipata efficiente rappresenta un arricchimento per la pubblica amministrazione.

Sta di fatto, però, che spesso gli affidamenti ricevuti dal Comune – nonché socio unico della società – finiscono per essere a loro volta affidati all’esterno, troppo spesso con procedure d’urgenza ed in regime di subappalto.

E’ quello che sta accadendo, ad esempio, per il rifacimento di via Porta Lecce per il quale la BMS sta cercando una ditta specializzata, sostituendosi al Comune che avrebbe potuto tranquillamente farlo in maniera diretta, senza un inutile quanto ingiustificabile passaggio.

E’ di questi giorni, poi, la vicenda del servizio di rimozione veicoli. Per anni tale compito è stato svolto proprio dalla Multiservizi che ha ben due carri attrezzi, oltre agli spazi per poter ospitare la depositeria dei mezzi. Poi il servizio fu incredibilmente sospeso, fino a quando lo scorso 14 ottobre, con delibera di giunta, il Comune ha riaffidato il servizio alla Multiservizi fino al 31 dicembre. Sta di fatto, però, che la BMS, pur disponendo di deposito e dei carri attrezzi, ha atteso un altro mese per poi affidare il servizio all’esterno alla società Pronto Strade, con sede legale a Roma.

Perché ancora una volta non è stato utilizzato il personale interno? Perché non si è ottimizzato questo affidamento per creare una occasione di guadagno per la società? Come mai questo ricorso ad autisti esterni, pur avendo in organico personale in grado di svolgere tali mansioni?

Sono domande a cui occorrerebbe fornire delle risposte, così come sarebbe interessante che qualcuno accendesse un faro su questi affidamenti.

Mimmo Consales

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*