HDL Nardò a caccia della quarta vittoria consecutiva

coach gennaro Di Carlo (foto Cecere, sito HDL Nardò)

NARDÒHDL Nardò sta macinando punti e prestazioni dando continuità ai risultati. Dopo un avvio di campionato a singhiozzo, anche a causa dell’infermeria sempre piena, ed una crisi che aleggiava libera di insinuare dubbi, sono arrivate tre grandi vittorie consecutive.

Battute Cento in trasferta, poi San Savero a casa e Ferrara fuori, è arrivata la consapevolezza che si può continuare su questa linea per giocare un campionato da zona nobile della classifica. La società viste le continue defezioni dovute agli infortuni è anche tornata sul mercato portando a casa Russ Smith, il playmaker statunitense che già a Ferrara ha inciso in maniera importante sul risultato finale.

La squadra di coach Di Carlo adesso staziona al 7° posto, con 10 punti, in classifica a soli sei punti dalla vetta e dunque si può lavorare con l’oro della serenità tra le mani.

Non c’è due senza tre, ed è arrivata la vittoria con Ferrara, ed in questo caso possiamo ben dire che l’appetito vien mangiando e dunque HDL Nardò prepara la sfida interna con il Rimini di mercoledì sera con la voglia di continuare a vincere, a stupire, e con Smith che potrebbe diventare veramente l’ago della bilancia di un roster che può contare già su elementi di grande qualità.

Agli allenamenti pomeridiano di oggi e domani seguirà la riunione di mercoledì mattina e la gara della sera, valida per l’undicesimo turno della serie A di basket, con palla a due alle ore 20.30.

Rimini arriva a Lecce, al Pala San Giuseppe da Copertino, dopo la sconfitta interna di misura con Cividale, ha 6 punti in classifica e staziona al terzultimo posto e dunque venderà cara la pelle. Ed è per questo che il pubblico potrebbe essere veramente l’uomo in più, un palazzetto colorato di “granata” darebbe al Toro quella carica in più per pigiare forte sull’acceleratore.

Una cosa è certa, Nardò è pronta a stupire ancora nel difficile Girone Rosso del campionato. E quel che accadrà lo scopriremo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*