Covid, +278 casi in una settimana. I sintomi delle due nuove varianti

LECCE E PROVINCIA – L’avanzata del Covid-19 con Cerberus e Gryphon era prevista: le due nuove varianti, dai nomi mitologici, si affiancano a quella tuttora predominante -la Omicron – e aggiungono nuovi sintomi spia.

Ad oggi non ci sono dati per reputare le due new entry più pericolose delle precedenti. Ciò che è certo è che presentano sintomi più simil influenzali: congestione nasale, mal di gola, forti mal di testa, ma anche distrurbi intestinali e alterazione del ritmo cardiaco. Segnali spia che sia aggiungono ai sintomi già noti e predominanti come tosse, dolori muscolari e febbre.

In provincia di Lecce alle prese con l’infezione da Covid sono attualmente 3.848 cittadini: 278 in più rispetto a una settimana fa. Calano, invece, i ricoveri: da 64 di venerdì scorso se ne registrano adesso 62, di cui 30 sono ricoverati nel reparto di Pneumologia Covid. L’incidenza settimanale è di 5 casi ogni 100mila abitanti.

La fotografia sullo stato attuale dell’andamento della pandemia – scattata dal consueto report settimanale della Asl di Lecce – analizza punto per punto i numeri di ogni singolo Comune. Quelli Covid free sono scomparsi nuovamente.

Sono 11 i Comuni della provincia a registrare un numero di cittadini positivi inferiore a 10. E sono: Botrugno, Cannole, Giuggianello, Muro Leccese, Patù, Sanarica, Seclì, Spongano, Surano, San Cassiano e Castro.

I Comuni, al contrario, maggiormente colpiti sono: Lecce (450 attuali positivi), Casarano (167), Galatina (147), Nardò (130), Tricase (124),Copertino (111), Taviano (110) e Leverano (91).

La fascia d’età più colpita è quella degli under 35 (il 39% dei casi attuali sono riconducibili a loro).

L’auspicio è che la recrudescenza dei contagi non mini, come accaduto lo scorso anno, le festività natalizie e gli eventi organizzati per l’occasione dal pubblico e dal privato. La ripartenza, graduale, è già alle prese con inflazione e caro bollette e la speranza di un’accelerata è tutta racchiusa in queste feste.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*