Lecce, mese decisivo per cinque giocatori

Pablito Rodriguez, attaccante del Lecce (foto P.Pinto)

LECCE – Rientro in sede per i calciatori del Lecce. Martedì il tecnico Baroni ritroverà la squadra dopo sedici giorni di riposo. L’ultima puntata del campionato è stata al Ferraris contro la Sampdoria dove la squadra giallorossa ha ottenuto la sua terza vittoria in campionato. Un successo che ha portato il Lecce a più otto sulla terzultima in classifica. Un tesoretto da non disperdere lungo il cammino che ricomincerà a partire dal 4 gennaio quando il Lecce attenderà l’arrivo della Lazio.

È ancora troppo presto, però, per parlare di campionato. Ci sarà poco più di un mese per preparare con cura la ripresa. Ogni dettaglio. Perché il Lecce deve partire più forte di prima per non dare vantaggio alle squadre che ha sotto in classifica e che faranno di tutto, anche attraverso il mercato, per risalire la china ai danni delle squadre che precedono in classifica.

Un paio di amichevoli, forse tre, aiuteranno pure a rientrare in clima partita, permetteranno a Baroni di correggere e migliorare aspetti tattici da calibrare ancora.

Rispetto alla preparazione estiva Baroni ha il vantaggio di avere una squadra già costruita, completa in ogni ruolo, anche se i venti del calciomercato soffieranno sempre più forti.

Corvino ha dichiarato tutti incedibili. Un modo per tenere tutti sulla corda in un periodo appunto in cui qualcuno, coloro che sono stati impiegati meno, potrebbe pensare ad un’altra destinazione.

I numeri, per alcuni calciatori, parlano chiaro e se hanno voglia di cambiare aria lo avranno già comunicato ai propri rappresentanti. Oltre a Bjorkengren, escluso dai piani tecnici, anche Listkowski e Rodriguez, ad esempio, hanno trovato pochissimo spazio.. Per loro la società potrebbe pensare a un prestito in Serie B.

Con la ripresa degli allenamenti si valuteranno le condizioni di Dermaku e Cetin, sfortunati finora. Il Lecce non sembra intenzionato a privarsi di questi due calciatori sempre che dai diretti interessati non arrivi una precisa richiesta di cessione. Corvino e Trinchera vigilano perché si dovrebbe intervenire sul mercato per assicurare a Baroni i ricambi giusti.

L’attaccante spagnolo potrebbe decidere di continuare in giallorosso e accontentarsi dello spazio che gli sarà concesso. Finora ha giocato 50′ spalmati in quattro partite. Davvero poco per non pensare di cambiare aria e andare in una squadra che pratica un modulo più adatto alle proprie caratteristiche. Prima o seconda punta sembra davvero difficile trovare spazio nel Lecce dove Colombo è in crescita, mentre Ceesay va a corrente alternata in termini realizzativi.

E Baroni attende il momento per buttare nella mischia pure Voelkerling Persson, 19 anni, svedese, che non ha ancora esordito in maglia giallorossa.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*