Droga venduta a minore, per poi abusare di lei: condannato a 10 anni

MONTERONI – È di dieci anni e un mese di reclusione la condanna in primo grado inflitta ad un commerciante di 60 anni originario di Arnesano, ma domiciliato a Monteroni di Lecce, accusato del reato di spaccio con l’aggravante sessuale. A stabilirlo, nelle scorse ore, la prima sezione penale del tribunale di Lecce presieduta dal giudice Fabrizio Malagnino.

Il 60enne, secondo il verdetto dei giudici, avrebbe venduto droga, anche a scopo sessuale, ad una ragazza, che all’epoca dei fatti aveva solo 15 anni. Tutto è nato dalla denuncia che la presunta vittima, oggi 26enne, ha sporto nel 2018 rivolgendosi ai carabinieri: stando al suo racconto l’uomo, conosciuto nel 2011 perché padre di alcune sue amiche, non solo le avrebbe venduto la sostanza stupefacente, ma l’avrebbe anche abbandonata in stato comatoso, causato dall’assunzione della droga; prima però avrebbe approfittato della sua condizione di incoscienza abusando sessualmente di lei.

Oltre alla reclusione, il 60enne è stato anche condannato al pagamento di una multa di 46mila euro e ad un risarcimento danni di 10 mila euro nei confronti della ragazza. Per il reato di violenza sessuale, di cui pure era accusato, è subentrata invece la prescrizione.

Al termine della requisitoria, la pm Maria Vallefuoco aveva chiesto l’assoluzione del commerciante per inattendibilità della 26enne, attualmente ricoverata in un centro di salute mentale: su questo farà leva anche l’avvocato Angelo Vetrugno, difensore dell’imputato, che ha già annunciato il ricorso in appello.

Giorgia Durante

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*