Lecce: il giudice concede la libertà ad Andrea Guido

LECCE – Lascia gli arresti domiciliari e torna in libertà Andrea Guido, ex consigliere comunale di minoranza e già assessore all’Ambiente di Lecce. Guido era coinvolto nell’inchiesta sui presunti affari che si sarebbe sviluppato tra la Camorra Campana e il Salento.

Secondo gli inquirenti avrebbe ottenuto circa 2mila e 500 euro in cambio della garanzia, ad un’azienda, di inserirsi nel mercato dello smaltimento di oli esausti in provincia di Lecce. Accusa sempre rigettata da Guido. La giudice del tribunale di Napoli, dott.ssa Miranda, la stessa che aveva disposto l’arresto cinque mesi fa, ha concesso ora la libertà a Guido che avrà l’obbligo di presentarsi la mattina alle 9 alla polizia giudiziaria.

A giorni presenterà un’istanza in Prefettura per tornare a rivestire la carica di consigliere comunale. L’inizio del processo è fissato per il 17 ottobre e l’ex consigliere non sceglierà riti alternativi, fiducioso di poter dimostrare la propria correttezza e la sua totale estraneità ai fatti contestati nel corso dell’istruttoria dibattimentale.

“Sono stato tenuto lontano dalle persone e dai luoghi che amo. – ha detto Guido – Sono stato travolto all’improvviso da una vicenda più grande di me, in cui rappresento solo un numero tra 60 altri indagati, e alla quale – ha concluso – sono totalmente estraneo.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*