Sticchi Damiani: “Siamo sani e strutturati. Il mercato? Manca qualcosa dietro”

Saverio Sticchi Damiani, presidente US Lecce

LECCE – Saverio Sticchi Damiani, a margine della conferenza stampa di presentazione degli sponsor di maglia, risponde con la solita chiarezza alle varie domande della stampa:

“Abbiamo 20mila abbonati che ci vogliono bene. Non c’è improvvisazione. Siamo ripartiti dalla rinnovazione totale e non è per nulla facile. Il club ha un valore aggiunto nel seguito e poi non abbiamo deciso di convivere con debiti con le banche. Non sposeremo mai questa politica. Daremo qualcosa di meno a Corvino, ma vogliamo essere sani e virtuosi. La frase il club non ha soldi non mi piace. Facciamo il meglio possibile e siamo strutturati. Siamo una piccola società del sud. Dieci operazioni a costo zero che poi costano. La nostra è una strada difficile ma importante. Grazie agli abbonati che ci stanno vicini. Certi arrivi sono sconosciuti ma spero che diventino i nuovi Hjulmand. Stiamo poi negando il noming dello stadio a un marchio. Ora posso dire però che abbiamo affidato il servizio bar, 9 punti, dello stadio, grazie a Mencucci e Mercadante, a un soggetto con le spalle larghe che poi vi diremo”

Sulle prossime operazioni di mercato spiega:

“Manca qualcosa dietro. Ma sono certo che negli ultimi giorni di mercato ci saranno altre novità. Non ci tireremo indietro per completare la squadra ma non ci faremo guidare dalla fretta. Quando ci infastidiamo che la squadra non rende in A, pensiamo alle altre squadre del sud che sono in B o chissà dove. I giocatori vengono e sanno che trovano uno stadio pieno. Mi è dispiaciuto essere eliminato con il Cittadella, sono incazzato. Ma noi dobbiamo costruire la nostra salvezza dalle sconfitte. Dobbiamo fare di tutto per salvarci ma la gente deve darci una mano”.

Sul nuovo arrivato Lameck Banda scherza: “Verifichiamo che è il Banda giusto. Qui da noi non si usa il ghepardo (sorride, ndr).

E conclude parlando di impegni e della Tribuna est: “Stiamo cercando di ristrutturare a nostre spese la est. Ci sono tre milioni da restituire alla B come premio di solidarietà. Il totale del nostro budget è impegnativo. Sul mercato non abbiamo mai avuto dei no. Noi andiamo su profili che sono da Lecce. Per Banda ci è stato chiesto un paravento anticipato. Lo abbiamo fatto”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*