Coppa Italia, Il Lecce ospita il Cittadella

LECCE – (T.D.G.) Fra Lecce e Cittadella è il primo confronto in Coppa Italia. In campionato, invece, le due squadre si sono affrontate già quattro volte sul terreno del Via del Mare e il Lecce non è mai riuscito a spuntarla. Il primo incrocio nella stagione 2009-2010 quando il Lecce di De Canio (poi promosso in Serie A) fu sconfitto 5-1 dai veneti. L’unico punto conquistato dai giallorossi è stato nel campionato 2018-2019 (1-1), poi altre due sconfitte: nel 2021 e nel 2022.

Sia pure in Coppa Italia, la squadra leccese vuole sfatare questo tabù e non trascorrere una notte da incubi. Anche perché vuole iniziare bene la stagione davanti al proprio pubblico e fare quanta più strada possibile. Nella passata stagione i giallorossi abbandonarono il palcoscenico della Coppa agli Ottavi di Finale, battuti all’Olimpico dalla Roma.

CONVOCATI – Dopo l’allenamento di rifinitura effettuato ieri all’Acaya Resort Baroni ha convocato 25 calciatori. Non figura nella lista il difensore Tuia, non al meglio della condizione. Al suo posto, come annunciato da Baroni, giocherà Blin. A centrocampo sarà la prima davanti al nuovo pubblico per Askildsen e per il croato Bistrovic, i quali affiancheranno Hjulmand in cabina di regia. Il tecnico giallorosso stabilirà, per tutti, i tempi di impiego, dall’inizio o a gara in corso. Luci pure sull’ultimo arrivato Federico Di Francesco e sull’ex Zurigo Ceesay. Spazio probabilmente pure a Strefezza. La sfida di Coppa rappresenta una prova generale in vista della partita di campionato contro l’Inter in programma sabato 13 agosto al Via del Mare. Questa sera non sarà della partita pure Voelkerling il quale dovrà scontare un turno di squalifica.

CITTADELLA – Il tecnico del Cittadella Gorini ha invece convocato 23 calciatori per la sfida di Coppa. Non fanno parte della comitiva che ha raggiunto Lecce Embalo, stiramento muscolare nel test contro il Trento, e Baldini. Assenti pure Ciriello, Tavernelli, Bassano, Mazzocco e Manfrin. Tra gli ex della partita, in casa veneta, gli attaccanti Beretta e Asencio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*