Incendio sulla Lecce-San Cataldo, evacuate 40 persone

doc cantina salice

SAN CATALDO – Complici le alte temperature, i roghi non danno tregua al Salento. L’ultimo vasto incendio è scoppiato nel primo pomeriggio nelle campagne ai margini della provinciale 364, quella che collega Lecce a San Cataldo, causando ingenti danni e creando una forte apprensione per quanti risiedono in quella zona.

Una vasta coltre di fumo ha invaso la strada in questione, tanto che gli agenti della polizia locale di Lecce sono stati costretti a chiuderla per consentire ai mezzi dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile di operare nella massima sicurezza.

Le fiamme non hanno dato tregua per diverse ore: in tutto sono circa 10 gli ettari andati in fumo. Alimentate dal forte vento di scirocco hanno distrutto completamente i Vivai Vantaggiato propagandosi anche fino alle abitazioni e alle aziende agricole circostanti. Un fatto, questo, che ha reso necessari l’evacuazione di una quarantina di persone.

Una situazione classificata dall’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali come “da codice rosso”. Disposta anche la sospensione dell’energia elettrica.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, che sono ancora al lavoro per cercare di domare il rogo, insieme agli operatori dell’ Arif , alla protezione civile e ai carabinieri forestali. Richiesto anche l’intervento di un canadair, che ha effettuato una decina di lanci.

La strada provinciale è stata riaperta al traffico veicolare in entrambi i sensi di marcia solo dopo sei ore dallo scoppio dell’incendio, le cui cause sono ancora in fase di accertamento.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*