Ambiente

Aree marine protette. A Brindisi si è discusso di strategie e di governance

BRINDISI – Le aree marine protette costituiscono un valore aggiunto per il nostro paese. Ne sono convinti un po’ tutti, a giudicare dall’interesse rivolto all’iniziativa promossa a Brindisi dal Consorzio di Torre Guaceto e da Federparchi nazionale. Un tavolo di approfondimento in cui rappresentanti del Ministero della transizione ecologica e della Regione Puglia hanno confermato un grande interesse nei confronti di questi angoli stupendi delle nostre regioni, a cominciare proprio dall’area marina protetta di Torre Guaceto. E’ necessario, però, mettere in rete questi beni della natura, così come finalizzare gli interventi finanziari per evitare di disperdere energie senza raggiungere risultati apprezzabili. Federparchi ovviamente guarda con grande interesse alle evoluzioni del settore, con il chiaro intento di fornire un contributo in termini propositivi, anche sulla scorta delle proposte che arrivano dai consorzi di gestione delle singole aree protette. E non sono mancati riferimenti anche alla posizione assunta in relazione ai parchi eolici offshore.

Mimmo Consales

Articoli correlati

Tap, da lunedì possibile ripresa lavori. Parlamentari M5s chiedono sequestro

Redazione

Xylella, subito reimpianti di piccoli ulivi: “l’Italia guarderà al Salento”

Redazione

L’11 aprile i sigilli, oggi la Procura concede la facoltà d’uso della grotta Zinzulusa

Redazione

Da lunedì i rifiuti di Brindisi non saranno più conferiti a Ugento

Redazione

SS275, se Tricase non decide lo farà la Regione

Redazione

Gli appetiti su Brindisi: altri due progetti fotovoltaici su 100 ettari

Redazione