Tragedia Novoli: la lite dopo un messaggio. Per i coniugi funerali separati

Donatella Miccoli e il marito
doc cantina salice

NOVOLI – Un messaggio ricevuto sul telefono di lui potrebbe aver scatenato il litigio che ha poi avuto l’ esito nefasto. Il contenuto non è dato saperlo, ma questo sarebbe emerso dalle ultime parole pronunciate da Matteo Verdesca alla madre, prima di togliersi la vita. La gelosia tra i due il movente sicuramente della tragedia. Ma la verità su quanto accaduto nella camera da letto dei due giovani coniugi apparentemente felici e inseparabili, è affidata per il momento solo alle voci che circolano tra amici, parenti, colleghi e colleghe e da una comunità in queste ore sconvolta.

Due famiglie intanto sono distrutte dal dolore mentre il pensiero di tutti è ora rivolto ai due bambini piccoli che nei momenti della tragedia dormivano nella loro stanza.

Non appena l’autorità giudiziaria darà il consenso alla restituzione delle salme, tra mercoledì e giovedi saranno celebrati i funerali in maniera separata. Quelli di Matteo a Veglie, il suo comune, quelli di Donatella nella chiesa madre S. Andrea Apostolo dove a celebrarli sarà il vescovo di Lecce monsignor Seccia.

Il dolore di una comunità intera nelle parole del parroco don Stefano Spedicato.

Tragedie che si potrebbero evitare con l’ascolto e l’attenzione dice don Luigi Lezzi, parroco della chiesa frequentata da Donatella.

Il sindaco Marco De Luca ha interrotto i festeggiamenti per S. Luigi. Per il giorno dei funerali lutto cittadino, con i negozi tutti chiusi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*