Galatone: trionfa Filoni. E a Galatina ballottaggio Vergine-Amante

SALENTO – Sono trascorsi una ventina di minuti dopo la mezzanotte quando un boato accoglie Flavio Filoni. Sarà ancora lui a guidare Galatone per i prossimi cinque anni. Una vittoria mai messa in discussione ma prima di esultare il primo cittadino ha dovuto attendere lo spoglio delle schede elettorali praticamente fino alla fine: il rischio di non potercela fare per una manciata di voti e di essere costretto a ricorrere al ballottaggio era concreto. Filoni chiude al 50,46 contro il 38,84 per cento. Più indietro Emanuela Settimo De miti con il 7,82 e Sebastiano Zenobini con il 2,87. “Siamo nella storia. Per la prima volta un sindaco viene eletto al primo turno”, urla Flavio Filoni. 

Ma Annamaria Campa vuol vederci chiaro. I dati elettorali non convincono. “Ci sono diversi candidati ai quali non è stato attribuito nessun voto – fa sapere l’avvocato Antongiulio Cardinale – per questo stiamo valutando eventuali azioni legali davanti agli organi competenti, Procura e Tar, al fine di avviare un possibile ricorso”.

Regna ancora l’incertezza invece a Galatina. Il 26 giugno gli elettori tornano alle urne per scegliere il loro sindaco. Due le opzioni: l’imprenditore Fabio Vergine che ha ottenuto il 38,75 per cento delle preferenze e il sindaco uscente Marcello Amante con il 31,44. Niente da fare invece per Sandra Antonica, ex sindaco ed ex segretario regionale del Pd che ha raccolto appena il 19,05 per cento, e per il medico Antonio Antonaci con il 10,76.

Intanto Amante alla domanda su possibili apparentamenti risponde secco: non me lo si chieda, oggi è un giorno di riflessione.

Che fine faranno i voti degli altri contendenti? Sandra Antonica prende tempo: “Troppo presto per parlarne. Devo sentire la coalizione”. Chi chiarisce la sua posizione è Antonio Antonaci: “Io non sono Antonica. Per me non è importante il successo personale, ma il bene della città. Valuterò assieme al mio gruppo che ha condiviso questo percorso il da farsi”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*