Sede farmacia Surbo, il Consiglio di Stato respinge ricorso Ordine Farmacisti

SURBO- La Terza Sezione del Consiglio di Stato (Presidente Lipari, Estensore De Carlo), con sentenza n. 3983, pubblicata il 19.5.2022, ha respinto l’appello proposto dall’Ordine dei Farmacisti nei confronti della sentenza precedentemente resa dal Tar di Lecce, con cui era stato parimenti rigettato il ricorso in primo grado proposto dallo stesso Ordine avverso i provvedimenti con i quali la Regione Puglia aveva a suo tempo ritenuto il Comune di Surbo non decaduto dall’esercizio del diritto di prelazione sulla terza sede farmaceutica presente sul territorio comunale.

Il supremo Organo di Giustizia Amministrativa, condividendo le tesi difensive del Comune di Surbo, assistito, in entrambi i gradi di giudizio, dal Prof. Avv. Ernesto Sticchi Damiani, nonché quelle della Regione Puglia, ha definitivamente riconosciuto la piena, perdurante legittimità della titolarità in capo al Comune di tale esercizio farmaceutico, proficuamente gestito, oramai da molti anni, da società mista, pubblico-privato, ribadendo l’infondatezza di tutte le contestazioni mosse dall’Ordine in sede di appello.

Ad avviso del Giudice Amministrativo non poteva in alcun modo configurarsi decadenza nei confronti del Comune, avendo lo stesso, così come dimostrato e ribadito nei diversi gradi di giudizio, tempestivamente provveduto ad effettuare e, poi, concludere la relativa gara per l’individuazione del socio privato, rispettando così le tempistiche previste dalla L.R. 40/07 in materia che, invece, l’Ordine infondatamente riteneva essere state disattese.

Si pone, dunque, fine a tale lungo contenzioso che, in tutte le sue tappe, ha sempre visto confermata la piena legittimità e correttezza dell’operato dell’Amministrazione comunale nel porre in essere quanto di volta in volta necessario per garantire, tramite il citato diritto di prelazione esercitato, una più capillare, efficace assistenza farmaceutica sul proprio territorio, tramite tale sede comunale.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*