“Addirittura padre”, in scena il magistrato attore e il piccolo Francesco

Un padre e un figlio, un legame viscerale che sul palcoscenico si consolida: diventa arte, rappresentazione e inevitabilmente vita reale.

Protagonisti dello spettacolo “Addirittura padre” che ha debuttato nel Teatro Comunale di Novoli mercoledì scorso Salvatore Cosentino, autore e sostituto Procuratore generale della Corte di appello di Lecce, e il piccolo Francesco Saverio Cosentino, di appena 10 anni.

Un nuovo lavoro scritto a quattro mani che ha registrato il sold-out e tanti applausi a fine serata.

In scena un racconto fondamentalmente autobiografico sulla grande avventura della vita di un padre e di un figlio strettamente intrecciate, un viaggio attraverso l’infanzia del padre raccontata e vissuta con gli occhi del figlio, sulle note dei ricordi degli anni ’70 come l’indimenticabile Pinocchio di Comencini.

Francesco, a proprio agio sul palcoscenico canta, suona diversi strumenti, recita affrontando i temi più attuali: scuola, famiglia, guerra, bullismo.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*