Crac Ferrovie del Sud Est, chiesto rinvio a giudizio per ex vertici

PUGLIA- E’ cominciata, davanti alla gup del Tribunale di Bari, l’udienza preliminare nei confronti dei 20 imputati per il crac delle Ferrovie del Sud Est. Ministero dei Trasporti, Regione Puglia, Ferrovie del Sud Est e Ferrovie dello Stato si sono costituti parte civile. Tra gli imputati l’ex amministratore delegato di Bnl Fabio Gallia e l’ex amministratore unico di Fse, Luigi Fiorillo.
Si contesta la bancarotta fraudolenta impropria per effetto di operazioni dolose ai danni di Fse e bancarotta fraudolenta preferenziale in favore di Bnl, con riferimento al crac della società di trasporti pugliese, commissariata dopo la gestione Fiorillo e poi acquistata da Ferrovie dello Stato. I fatti contestati risalgono agli anni tra il 2009 e il 2016, mentre la bancarotta risale al gennaio 2017, data di ammissione di Fse al concordato. Il procuratore Roberto Rossi ha formalizzato la richiesta di rinvio a giudizio per 19 imputati, la decisione è prevista per il 21 giugno

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*