Attualità

Borgo Piave, ancora allarme tubi amianto rotti. “Qui ci ammaliamo di tumore”

FRIGOLE – È l’ennesima volta che lanciano il loro grido disperato: i residenti a Borgo Piave, nella marina leccese di Frigole, ci mostrano l’ennesimo -anche in questo caso- tubo rotto. Di amianto, dunque pericolosissimo. Di questi tubi è fatta la rete dell’acquedotto rurale che corre diagonalmente da San Cataldo, attraversando tutti i poderi della zona, fino a Borgo Piave, appunto, e alla Piazza nuova di Frigole.

Si verificano continui guasti e perdite, con conseguenti riparazioni. E quest’acqua, che non è potabile, viene utilizzata, oltre che per irrigare, anche in casa, per lavarsi.

È una rete che apparteneva all’Ex Ersap, ora -ci spiegano i cittadini- è gestita da Arif, che infatti interviene per le riparazioni. E che, da due anni, non invia più le bollette.

“Non siamo dei chimici -dicono- ma qui continuiamo ad ammalarci di tumore. Non sappiamo se ci sia una correlazione, ma di certo quest’acqua non fa bene! L’intera rete va sostituita con urgenza. Basta rimandare”.

Articoli correlati

Ulivi disseccati, in arrivo altri 30 milioni dal Cipe

Redazione

Chiusura centro storico di Galatina, i commercianti occupano il municipio

Redazione

Convegno “Crisi e insolvenza”: le misure di allerta e le nuove regola eper le imprese

Redazione

Cobas, sit-in di protesta nella direzione generale dell’Asl

Redazione

Muore a 40 anni, il dramma si fa speranza: donati gli organi

Redazione

Allarme festa in villa privata per i “100 giorni agli esami”

Redazione