Baby gang, dehors e rondò del Bar Rosso e Nero: i temi caldi in Consiglio comunale a Lecce

LECCE – Torna fra i banchi consiliari l’ex assessore e consigliere comunale Angelo Tondo, eletto nelle fila di Fratelli d’Italia. Prende il posto di Andrea Guido coinvolto in un’inchiesta giudiziaria e sospeso dalla carica di consigliere comunale con un decreto prefettizio firmato il 22 aprile, in attesa che la sua posizione venga chiarita. La presa d’atto è stata votata all’unanimità dall’assise civica.

Il Consiglio ha affrontato un problema che rischia di trasformarsi in un vero e proprio fenomeno, quello delle baby gang in azione a Lecce. A sollevare la questione il consigliere di Sentire Civico Oronzino Tramacere che ha fatto cenno a fatti preoccupanti che sarebbero avvenuti in piazzetta Alleanza, piazza Libertini e nelle vicinanze del teatro Apollo, dove ragazzini di 13-14 anni vengono fermati, insultati e derubati di alcuni oggetti. “La vicenda sarà portata all’attenzione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica”, ha assicurato il sindaco Salvemini.

Sul piano squisitamente politico da registrare, in particolare, l’affondo del consigliere Gianmaria Greco che in una interpellanza ha accusato apertamente la maggioranza di assumere un atteggiamento “oltraggioso” nei confronti delle prerogative dei consiglieri comunali. Emblematico il riferimento ad una proposta di delibera del 29 novembre – quella sul Parco eolico off shore – mai approdata in aula consiliare. La replica dell’Amministrazione è stata affidata al dirigente Fernando Bonocuore: “E un atto dal significato politico dal momento che tecnicamente l’Amministrazione non può rilasciare un parere”. Risposta che non ha convinto Greco. Per tagliare la testa al toro il sindaco ha invitato il consigliere a proporre una mozione da portare all’esame del Consiglio.

Polemiche anche sul nuovo regolamento delle pubblicità comunali. Troppe anomalie secondo l’opposizione, come l’eliminazione dei manifesti 4×3 perché ritenuti impattanti sul piano visivo e la concessione – al contrario – dei 6×3.

Buone nuove in arrivo per gli esercenti per quanto riguarda i dehors grazie ad un ordine del giorno presentato dal capogruppo Pd Antonio Rotundo. Saranno prorogati d’ufficio – con ogni probabilità – fino al prossimo 30 settembre i permessi rilasciati ai proprietari di attività commerciali e che sarebbero scaduti il 30 giugno.Un assist significativo per far ripartire bar, ristoranti e locali, in difficoltà per la pandemia e per la guerra in Ucraina.

A Palazzo Carafa è tornato a far capolino il famigerato incrocio del Bar Rosso e Nero, al centro di mille polemiche e di una valanga di multe a carico degli autombiisti che non rispettano il divieto di svolta da viale dell’Università verso viale Gallipoli. Il capogruppo del Pd Antonio Rotundo è tornato a bomba sulla necessità di provare a realizzare una mini rotatoria.”L’occasione buona – ha detto – potrebbe essere la riqualificazione di viale dell’Università e viale Gallipoli”. L’obiettivo è quello di inserire anche il rondò nel Piano triennale delle opere pubbliche. L’ìoridne del giorno è passato all’unanimità.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*