Lecce, Baroni: “Sarà una partita avvincente e combattuta”. Gabriel non c’è

Marco Baroni, 58 anni, allenatore del Lecce

LECCE – (t.d.g.) Si alza nuovamente il sipario sul campionato di Serie B. A sente giornate dalla conclusione si accendono nuovamente i motori per la volata finale. Il Lecce riparte dal proprio stadio, davanti al proprio pubblico. “La sosta ci ha permesso di recuperare quasi tutti i giocatori ad eccezione di Gabriel e Simic, Per Gabriel si tratta comunque di una questione di giorni. Gli altri sono pronti: Dermaku, Tuia, Di Mariano. La pausa ci ha permesso di ritrovare quei principi e i punti cardine del nostro gioco e la continuità nel lavoro”.

TRIDENTE – Il tecnico giallorosso potrebbe presentare il tridente formato da Strefezza, Coda e Di Mariano. Non accade dal 23 gennaio scorso quando Baroni lo schierò contro la Cremonese. “Ho molti dubbi perché la squadra ha lavorato bene. Scioglierò le riserve solo domani mattina”.

In  porta dovrebbe andare Plizzari anche se Bleve ha recuperato. Il portiere è rientrato dopo gli impegni della Nazionale Under 21 italiana. Così come l’islandese Helgason che però dovrebbe partire dalla panchina. La difesa dovrebbe essere composta da Calabresi, Lucioni, Dermaku con Barreca o Gallo a completare la retroguardia. A centrocampo ai lati di Hjulmand dobrebbero giocare Majer e Gargiulo.

RIPARTENZE – Le precedenti ripartenze dopo le soste non sono state così frizzanti, ma Baroni tralascia queste statistiche. “La squadra non mancherà sulla prestazione. Sarà una partita avvincente, combattuta. Vincerà chi sbaglierà meno. Ci vorrà veemenza mentale e fisica”.

IL FROSINONE – Sull’avversario l’allenatore giallorosso afferma: “Ha molta dinamicità e pratica un calcio qualitativo. Sarà una partita bella e complicata sia per noi che per loro. Dovremo centrare una gara di altissimo spessore”.

PUBBLICO – Lecce- Frosinone si giocherà davanti a un buon numero di spettatori. “Avremo quattro partite in casa. Non gare da ultima spiaggia e il nostro pubblico ci darà una mano”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*