Statale 275, sabato a Leuca un incontro per fare il punto e riaccendere i fari della politica

SANTA MARIA DI LEUCA – Si torna a parlare di 275, con un inconto organizzato per sabato 12 marzo alle ore 10, nell’Hotel Terminal di Santa Maria di Leuca, dall’Unione dei Comuni di Terra di Leuca. Nel corso della riunione, alla quale parteciperanno i sindaci interessati al tracciato della strada, nonché consiglieri provinciali e regionali, si farà il punto della situazione e saranno approfondite le criticità attuali per la realizzazione dell’importante infrastruttura.  Sarà presentato, nell’occasione, il libro dell’Avv. Pietro Quinto sulla storia amministrativa e giudiziaria della S.S. 275 Maglie-Leuca, opera strategica di interesse nazionale, mai realizzata.

La pubblicazione ripercorre tutte le vicende dell’opera dal 2004, quando fu elaborato il primo progetto, a quello rinnovato nel 2016 che è tuttora all’attenzione della Commissione VIA poiché si è reso necessario acquisire una nuova valutazione di impatto ambientale. Numerose le prescrizioni imposte dalla Commissione, che interessano sia il primo tratto della strada, e cioè il territorio dei Comuni di Melpignano, Maglie, Muro Leccese, Scorrano, Montesano, Andrano e Tricase e sia i Comuni del secondo tratto (peraltro non ancora definito nella progettazione) da Montesano a Leuca e Castrignano del Capo. L’itinerario complessivo si sviluppa per circa 40 chilometri.

Il dibattito di sabato servirà per focalizzare i necessari adeguamenti progettuali, ma soprattutto per rinnovare l’attenzione della classe politica e amministrativa a livello regionale sull’importanza di un’opera, ideata nel 2001, per completare il corridoio adriatico sino a Leuca e cofinanziata dallo Stato e dalla Regione per oltre 300 milioni di euro. “Dall’approvazione del primo progetto a oggi, l’itinerario della strada è stato costellato solo da atti giudiziari, ma non è stato realizzato neppure un centimetro di asfalto”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*