Sticchi Damiani: “Impresa a Monza, contro l’Ascoli ne servirà un’altra”

Saverio Sticchi Damiani, presidente US Lecce (foto P.Pinto)

LECCE – “La sconfitta col Cittadella è stata psicologicamente pesante, ci può stare in questo campionato in cui si gioca ogni tre giorni, però è dispiaciuto tanto a tutti, quindi siamo riusciti a voltare subito pagina con un risultato prestigioso”.

Il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, intervenuto telefonicamente durante la puntata 1558 di Piazza Giallorossa su TeleRama ha analizzato le due gare giocate in pochi giorni, così diverse tra loro, dalla tristezza alla gioia, dall’inferno alla vetta del torneo, riagguantata con la vittoria col Monza per 1 a 0 grazie al rigore realizzato da Coda, il numero 1 di Via Col. Costadura la definisce un’impresa:

 “È stata un’impresa perché quando accade che il Var interviene due volte su episodi in modo così fiscale e in colpisci due pali, e sono tutte circostanze sfavorevoli, a Monza con un avversario del genere, di solito non portano a prendere i tre punti e invece nelle avversità siamo riusciti a vincere una gara complicata; questo è il fatto che mi ha colpito, questi ragazzi hanno una grande determinazione e complimenti all’allenatore che ha avuto il coraggio di fare certe scelte. E con dei calciatori sconosciuti che vengono da campionati sconosciuti non è scontato vincere a Monza contro una squadra che ha la rosa di serie A”.

Al seguito della squadra, nella città brianzola, c’erano 1700 tifosi, uno spettacolo di calore e colore:

“Il valore di avere 1700 tifosi in trasferta è incredibile, ma credo fossero di più. Lo dicevo ai ragazzi che avere tanta gente che spende il proprio tempo e le proprie risorse per vedere 90 minuti della propria squadra del cuore, merita il massimo, indipendentemente dal risultato che è figlio degli episodi, e noi dovevamo dimostrargli che il massimo impegno, così è stato”.

 Dopo poche ore dalla gioia di Monza ecco l’Ascoli di Sottil al Via del Mare, la seconda squadra, dopo il Brescia, che ha vinto più gare in trasferta, conquistando 26 punti dei 42 punti totali, sarà una gara difficilissima:

“La peggiore partita possibile, giochiamo contro una squadra che è la seconda migliore in trasferta dopo il Brescia; noi veniamo da una gara in cui abbiamo speso tante energie fisiche e psicologiche e quindi servirà un’altra impresa. Guai a pensare che dopo Monza possa essere tutto semplice. Nel calcio un grande limite è vedere le cose con superficialità; invece, se si fiuta il pericolo si riesce a prevenire le insidie e magari c’è la possibilità di sbagliare meno”.

 Lecce-Ascoli appuntamento mercoledì 2 marzo alle 18:30, arbitra il sig. Rosario Abisso di Palermo.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*