Attualità

Verso la Ztl h24, esercenti preoccupati: “vogliamo dire la nostra”

LECCE – La strada è segnata, anche se la novità non sarà imminente: nel centro storico di Lecce la Ztl sarà estesa h24.

Dopo l’approvazione in Giunta dell’atto di indirizzo, gli esercenti del cuore della città esprimono preoccupazione. Già lunedì prossimo in ConfCommercio si terrà una consultazione di associati e imprenditori direttamente interessati dalla faccenda. Intanto la richiesta, avanzata all’unisono, è chiara: “Vogliamo essere coinvolti in una scelta così radicale e delicata – dicono – che non può non tenere in considerazione le esigenze pratiche dei lavoratori”.

“Speriamo che l’amministrazione sia pronta a coinvolgerci e ascoltare le necessità del settore produttivo” dice il Presidente di ConfCommercio, Maurizio Maglio.

E di fatto, dai bar ai locali della Movida, il timore è principalmente lo stesso: garantire il carico-scarico merci a fornitori esterni e veicoli aziendali, “la logistica -precisano- è un aspetto fondamentale, da non dover tralasciare”.

Dal portavoce dei locali serali, Danilo Stendardo, arriva poi una pima proposta. A venire in soccorso potrebbe essere la tecnologia.

“Proponiamo la creazione di un’App per noi esercenti – dice – che consenta, anche previo pagamento, l’accesso per svolgere le attività meramente collegata alla nostra professione e che non si possono racchiudere in piccole finestre temporali come avviene tutt’ora”.

C’è poi il nodo parcheggi: dai negozi di abbigliamento alle librerie, la paura è la stessa. “Così – dicono i titolari – la clientela viene ulteriormente demotivata”.

A replicare interviene l’assessore alla Mobilità sostenibile, Marco De Matteis.

Sull’attivazione, più imminente, della sorveglianza h24 dei varchi rassicura: “non cambiano le regole, se ne monitora semplicemente l’effettivo rispetto” dice.

Sul nodo carico-scarico merci poi precisa: “Con la Ztl h24 non cambierà nulla: a venir meno sarà l’utilizzo improprio per queste attività degli orari di accesso libero alla Ztl h18, reso oggi possibile dalla mancata videosorveglianza h24″.

Ad ogni modo, anche per altri chiarimenti, l’assessore apre al dialogo e si dice pronto all’ascolto di proposte dalle associazioni di categoria.

Articoli correlati

Ticket costosi e poche corse: autisti pronti a bloccare la città

Redazione

Dall’Università nuovi parcheggi e la rinuncia ai palazzi nel giardino del Tabacchi

Redazione

Lecce, centro storico preso d’assalto: deviato flusso pedonale

Redazione

Brindisi – a rischio le partecipate Santa Teresa e Multiservizi

Redazione

Via libera del Tar alla prima Casa del commiato a Lecce

Redazione

Il leccese Manni conquista una prestigiosa copertina americana

Redazione