Lecce, Gendrey ha recuperato. Asencio rallenta

Valentin Gendrey, 21 anni, difensore del Lecce

LECCE – (t.d.g.) Tutto pronto per difendere ancora il primato rimasto nelle mani del Lecce perché le immediate inseguitrici non hanno saputo approfittare del mezzo passo falso dei giallorossi. Al Via del Mare arriva il Benevento dell’ex Fabio Caserta (33 presenze 5 gol nella stagione 2008-2009).

Lucioni e compagni devono vincere per non rischiare di essere superati in classifica e perdere il primo posto. Inizia un periodo intenso, in calendario fino al 6 marzo anche tre partite infrasettimanali: si parte con il Benevento, poi trasferta ad Alessandria (mercoledì), quindi due partite in casa: Crotone e Cittadella in quattro giorni; poi la trasferta a Monza, la partita casalinga infrasettimanale contro l’Ascoli e infine la trasferta di Perugia. Tutte le partite di domenica si giocheranno alle ore 15:30; quelle di mercoledì alle ore 18:30.

Baroni spera di avere tutto l’organico a disposizione. Dopo i recuperi di Barreca, Tuia e Di Mariano attende quello di Rodriguez e poi ancora quello di Bleve. Contro il Benevento dovrà fare a meno dello squalificato Hjulmand. Intanto durante l’allenamento di questa mattina Gendrey si è unito al gruppo e ha lavorato regolarmente. Nella composizione della formazione di partenza l’allenatore giallorosso ha pronto Blin per il centrocampo. Mentre in difesa sta pensando a un paio di soluzioni: la prima vede il ritorno di Calabresi in fascia e l’impiego di Simic al centro; la seconda, l’impiego di Faragò laterale difensivo e Calabresi confermato al centro. Ma non è escluso che Baroni possa escogitare altro. Come Bjorkengren che in pre campionato fu utilizzato anche come laterale difensivo. Ma questa resta un’ipotesi molto remota.

 Benevento che nelle proprie fila ha arruolato l’ex Lecce Jacopo Petriccione, oltre a Farias. Caserta deve rinunciare a Moncini, Elia e Viviani. In attacco ci sarà Forte, che nel passato campionato segnò tre reti al Lecce: due al Via del Mare in campionato e uno ai play off, nella semifinale di andata giocata a Venezia.

Fuori casa il Benevento ha conquistato 15 punti (il Lecce capolista 17), ma ha disputato una partita in meno fuori casa rispetto ai giallorossi. Sia Lecce che Benevento in trasferta hanno segnato 12 gol e ne hanno subiti 9. Al Via del Mare, però, il Benevento ha sempre sofferto. Non ha mai vinto, ha portato a casa solo 3 pareggi in undici incontri. L’ultimo risultato positivo proprio nella stagione, 2018-2019, in cui il Lecce fu promosso in Serie A. Finì 1-1 con reti di Mancosu per il Lecce e, pensate un po’, Coda per il Benevento.

Quel Coda che a Como ha sbagliato il calcio di rigore e conta di rifarsi immediatamente contro la sua ex squadra. In attacco il bomber giallorosso sarà affiancato da Strefezza e Listkowski. È l’unico reparto in cui il tecnico giallorosso non ha dubbi. E ha ritrovato pure Di Mariano, il quale partirà dalla panchina dove si accomoderà Asencio, che attende di debuttare con la maglia del Lecce. Anche per lui sarà la partita dell’ex. Con i sanniti, nel campionato 2018-2019, realizzò 3 reti in 23 presenze. Lo spagnolo, questa mattina, ha svolto una seduta personalizzata per un leggero sovraccarico muscolare. Il difensore Dermaku, invece, è a riposo dopo l’intervento chirurgico mentre  hanno lavorato in differenziato Bleve e Rodriguez.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*